Calcolo di fermi di fondazione antiscivolo

Se sogni la tua casa, ha senso iniziare a costruire. Numerosi progetti e schizzi vengono offerti alla vostra attenzione per ottenere le soluzioni più sofisticate. Tuttavia, non dovresti dimenticare la stabilità della struttura, dovresti impostare il calcolo delle sporgenze anti-taglio delle fondazioni. Questa casa sarà lunga, puoi goderti il ​​comfort di vivere per molti decenni. Il design meraviglioso darà gioia e splendore.

I cittadini moderni sono molto stanchi del rumore prevalente in città. Se ti piacciono la pace e il comfort, ha senso spostarsi nella zona verde. Fuori dalla città c'è sempre pace e tranquillità, molti alberi, gli uccelli che cantano accarezzano l'orecchio. Hai solo bisogno di costruire una casa che si adatti alla tua idea di felicità. Per l'affidabilità della costruzione, la sterlina richiederà un chilo di prezzi di volpe, quindi è necessario prendersi cura dei materiali di qualità.

Con l'inizio dell'estate, la costruzione di case di campagna, cottage e ville sta iniziando attivamente. Se hai il tuo sito, allora ha senso prendersi cura della costruzione di un edificio confortevole. L'inizio della costruzione inizia sempre con lo studio del territorio, ponendo le case di mattoni senza fondamenta. Questo stadio dovrebbe essere preso responsabilmente per garantire che la vostra struttura sia affidabile e stabile. Si consiglia di contattare i professionisti che rispettano una certa tecnologia di posa.

Colonne di base dura

La modalità Colonne di base rigide è progettata per progettare e valutare la capacità portante delle soluzioni strutturali per i nodi di base delle colonne, che vengono utilizzati per fissare rigidamente la colonna nella fondazione. Questa modalità copre una vasta gamma di soluzioni progettuali per nodi di questo tipo, vale a dire:

  • basi senza traverse e nervature a sbalzo (fig. 1);
  • basi con traverse e nervature a sbalzo (fig. 2).

Durante il funzionamento di questa modalità, in conformità con EN 1993-1-1 e EN 1993-1-8, vengono eseguiti i seguenti controlli:

  • la resistenza degli elementi strutturali che costituiscono il gruppo base della colonna (piastra di base, bulloni di fondazione, piastre di ancoraggio, traverse e nervature a sbalzo, fondazione in calcestruzzo per il collasso locale);
  • resistenza dei giunti saldati dei gruppi (fissaggio della colonna alla piastra di base, fissaggio della traversa allo stelo della colonna e alla piastra di base, montaggio del bordo a sbalzo sullo stelo della colonna e sulla traversa);
  • un numero di limiti di progettazione e di raggio.

Fig. 1. Tipi di soluzioni costruttive per nodi di basi rigide di colonne senza traverse e nervature a sbalzo

Fig. 2. Tipi di soluzioni strutturali per unità di basi rigide di colonne con traverse e nervature a sbalzo

La finestra principale della modalità base della colonna Difficile comprende cinque pagine: configurazione, collegamenti, sforzi, costruzione e disegno.

Il lavoro nella base delle colonne Difficile inizia con la scelta del tipo di sezione della colonna nella pagina Configurazione, che viene implementata premendo il pulsante appropriato: I-beam rotolato o I-beam saldato. In base alla scelta effettuata, l'interfaccia di questa pagina cambia.

Per una trave a doppio rullamento selezionata come tipo di sezione trasversale di una colonna, è necessario determinare il calibro e il numero di profilo in questo calibro. Questo viene fatto nella finestra di dialogo Seleziona profilo, che diventa disponibile dopo aver fatto clic sul pulsante Seleziona sezione della colonna.

Se la trave a I saldata viene scelta come tipo di colonna, è necessario determinare le dimensioni della sezione trasversale della colonna: altezza hw e spessore tw muri, larghezza bf e spessore tf scaffali. Le dimensioni della sezione trasversale della colonna vengono immesse nella tabella in millimetri. Si noti che lo spessore dei ripiani e delle pareti può essere inserito manualmente o selezionato dall'elenco a discesa, che contiene un set di spessori corrispondente all'assortimento di lamiera d'acciaio. Viene fornita la possibilità di controllare graficamente la sezione trasversale della colonna nella finestra delle informazioni, che diventa disponibile dopo aver fatto clic sul pulsante Anteprima ().

Il materiale di fondazione viene determinato utilizzando l'elenco a discesa Concrete, che propone la scelta della classe di calcestruzzo di base per la base della colonna in conformità con EN 1992-1: 2001 [32]. Quando si fa clic sui pulsanti Steel of the column e Steel of the slab, viene richiamata la modalità informazioni Steel (vedere Fig. 1), in cui è possibile selezionare e impostare la classe di acciaio, rispettivamente, per la colonna e per la piastra di base.

La pagina di configurazione contiene anche l'elenco a discesa Tipo Gravy e il campo Spessore spessore per l'immissione di informazioni relative alla sugna sotto la piastra di base dell'assieme di base della colonna.

Nella stessa pagina, nel campo di immissione del fattore per tenere conto della durata e degli effetti negativi degli impatti, è possibile immettere il valore del coefficiente corrispondente (secondo EN 1992-1: 2001) [32], il valore predefinito è uguale a uno.

Nell'elenco a discesa Fattore di affidabilità per responsabilità, l'utente imposta il fattore corrispondente, per il valore di cui verranno moltiplicati tutti i valori calcolati delle forze interne che agiscono nella sezione di riferimento della colonna per tutte le combinazioni di carico calcolate. Nel caso in cui i valori degli sforzi interni nella sezione di supporto delle colonne siano stati ottenuti a seguito dell'analisi tenendo conto del coefficiente di affidabilità della responsabilità (ad esempio, quando i valori calcolati dei carichi sono stati impostati moltiplicati per questo fattore), in questo elenco a discesa è necessario selezionare un valore del coefficiente uguale a uno.

Facendo clic sul pulsante Blocco del titolo si accede alla finestra di dialogo con lo stesso nome destinata a riempire il timbro del disegno utilizzato nello schizzo di progetto dell'unità di base della colonna rigida. Il pulsante Salva come modello consente di ricordare le informazioni inserite come modello di timbro in questa sessione con il programma. È possibile utilizzare il modello salvato sia in modalità corrente che in altre modalità dell'operazione di programma facendo clic sul pulsante Carica modello.

La pagina Connessioni della modalità Basi di colonne rigide viene utilizzata per immettere informazioni relative alle caratteristiche dei giunti saldati e bullonati delle basi rigide delle colonne. In particolare, la classe del bullone e il tipo di foro del bullone sono definiti rispettivamente negli elenchi a discesa Classe bullone e Tipo foro. Il tipo di rondella nelle connessioni bullonate viene impostato utilizzando i pulsanti di selezione appropriati (semplice (piatto) o con bordi smussati). È possibile tenere conto delle peculiarità dei giunti bullonati quando si utilizzano viti a testa svasata selezionando il pulsante del marcatore Bulloni a testa svasata e impostando l'altezza della testa del bullone nel campo di immissione corrispondente. Per i giunti saldati delle basi rigide delle colonne sulle saldature di testa, la loro parziale penetrazione può essere presa in considerazione selezionando il pulsante marker. Penetrazione parziale della saldatura di testa e impostazione della profondità di penetrazione nel campo di input corrispondente. Per giunti saldati di gruppi di basi rigidi su saldature di raccordo, la loro penetrazione profonda può anche essere presa in considerazione selezionando il pulsante marker. Penetrazione profonda della saldatura del raccordo e impostazione di uno spessore addizionale del metallo di saldatura nel campo di input corrispondente. I marcatori di pulsanti, combinati nel gruppo Funzioni, consentono di specificare le caratteristiche dell'acciaio degli elementi di unione, in particolare nei casi in cui l'acciaio è adottato secondo la norma EN 10025-5 o è soggetto a influenze atmosferiche o ad altre influenze che causano corrosione. Inoltre, è possibile tenere conto delle peculiarità dei giunti bullonati nei casi in cui le filettature dei bulloni non sono conformi alla EN 1090-1: 2009, oppure i bulloni nel giunto sono rivestiti con un rivestimento protettivo, oppure i giunti bullonati sono disposti in disegni di torri e alberi.

Nella pagina degli sforzi, vengono impostate le forze interne che agiscono nel nodo della base della colonna: NCed - forza longitudinale; MCYED - momento flettente nel piano xOz; VczEd e VCYED - forze trasversali relative ai rispettivi assi principali di inerzia della sezione della colonna 1. Nella figura, situata accanto alla tabella delle forze interne, vengono determinate le direzioni positive delle forze interne in sezioni degli elementi di base della colonna. Quando fai clic sul pulsante Aggiungi nella tabella delle forze, viene visualizzata una nuova riga in cui devi inserire i valori delle forze interne per la combinazione di carico corrente. Il numero di combinazioni di carico calcolate è arbitrario. Le unità di forza interna che agiscono su un nodo sono definite nella pagina Unità della finestra di dialogo Impostazioni applicazione. Per impostazione predefinita, le unità di misura delle forze longitudinali e trasversali sono tonnellate, i momenti flettenti sono tonnellate × metri. Nella tabella per l'impostazione dei valori calcolati delle forze interne nell'ultima colonna del gruppo di stati limite per ciascuna combinazione di carico, è possibile impostare il gruppo di stati limite della combinazione corrente (primo o secondo).

1 Per l'orientamento delle forze interne specificate relative agli assi principali di inerzia delle sezioni trasversali che convergono in un nodo, ciascun nodo nodo è collegato con un sistema di coordinate locale (locale) xyz. Il programma implementa il seguente orientamento dei sistemi di coordinate locali delle aste: l'asse x-x è diretto dall'inizio della barra (nodo iniziale) fino alla fine (nodo finale), gli assi y-y e z-z (gli assi principali di inerzia centrale della sezione trasversale della barra) insieme all'asse x-x formano il sistema di coordinate destra Cartesio. L'asse y-y è parallelo al piano X 0 Y del sistema di coordinate globali e l'asse z-z è diretto al semispazio superiore.

La pagina Costruzione contiene un gruppo di pulsanti per la selezione della struttura di un'unità di base a colonna rigida.

Per verificare la portata del cuscinetto in conformità con i requisiti della EN 1993-1-1 e EN 1993-1-8 della soluzione strutturale nota della base della colonna, è necessario impostare tutti i parametri dell'assieme: dimensioni e spessore degli elementi strutturali inclusi nell'assieme, diametri dei bulloni di ancoraggio, dimensioni che governano la posizione degli elementi strutturali l'uno rispetto all'altro, le gambe delle saldature, il numero di bulloni, il numero di file di bulloni, ecc. I parametri del sito sono inseriti nella tabella che si trova nella pagina a destra. Per impostazione predefinita, le unità lineari sono millimetri. Il diametro dei bulloni di ancoraggio, nonché il loro numero (per alcuni tipi di basi) sono impostati in elenchi a discesa speciali, raggruppati in un gruppo di bulloni di ancoraggio.

Quando fai clic sul pulsante Progettazione, viene visualizzato un menu a comparsa. Se la prima voce Tutti i parametri non sono impostati, viene eseguita una selezione automatica di tutti i parametri della progettazione del nodo e si presume che i parametri della progettazione del nodo non siano noti e che i loro valori specificati in precedenza vengano ignorati. Se la voce di menu Alcuni parametri sono impostati, quindi per i parametri non specificati (quelli che sono uguali a zero nella lista dei parametri), il programma determinerà automaticamente i loro valori per i valori fissi dei parametri specificati.

La selezione automatizzata del progetto della base della colonna è stata effettuata sulla base di un'analisi della sua sensibilità rispetto alla variazione dei parametri controllati del nodo, tenendo conto delle condizioni per fornire la necessaria capacità portante e vincoli di progettazione regolati dalle regole (per maggiori dettagli vedere lo Scopo). Il diametro dei bulloni di ancoraggio e lo spessore della piastra di base, così come le dimensioni della piastra di base della base, sono stati presi come parametri controllati.

Quando si fa clic sul pulsante Calcola, il programma controlla la capacità portante degli elementi che costituiscono la soluzione nodale, con i parametri specificati e le loro connessioni in conformità ai requisiti di EN 1993-1-1 e EN 1993-1-8.

Sia quando si preme il pulsante Progettazione e quando si fa clic sul pulsante Calcola nel campo Kmax, situato nella parte inferiore della finestra, viene visualizzato il massimo di tutti i coefficienti di utilizzo delle restrizioni sul valore del fattore (il più pericoloso) e viene indicato il tipo di verifica normativa (resistenza, stabilità, stabilità locale, ecc.) a cui viene realizzato questo valore massimo e viene generato un disegno soluzioni del nodo della base rigida dello stadio KM.

L'elenco completo dei controlli eseguiti è disponibile facendo clic sul pulsante Fattori in una finestra di dialogo speciale del diagramma fattoriale, in cui è possibile conoscere i valori di tutti i coefficienti dell'uso delle restrizioni qui presentati in forme numeriche e grafiche. L'elenco dei controlli eseguiti dal programma sulla capacità portante di elementi e connessioni di nodi di basi rigide di colonne è presentato in Tabella. 1.

Utilizzando il pulsante Rapporto, è possibile generare un documento di report che contiene i dati di origine e i risultati del calcolo.

Quando si accede alla pagina Disegno, il nodo viene controllato e progettato in modo simile alla modalità Calcola. Se i risultati dell'analisi dei parametri degli elementi del nodo non sono in contraddizione con i requisiti costruttivi e normativi, viene generato un disegno della soluzione del nodo dello stadio CM.

Nella parte superiore della pagina Disegno c'è una barra degli strumenti con i pulsanti di controllo (), che forniscono la possibilità di ridimensionare un'immagine grafica, salvarla nel formato DWG (DXF) di AutoCAD e stampare.

Nella pagina Curve di interazione, vengono costruite le curve che limitano l'area della capacità portante di una determinata (o selezionata) soluzione strutturale di un nodo di base rigido di una colonna quando in essa sono applicate diverse coppie di forze interne che possono verificarsi nella sezione di supporto della colonna.

Per ottenere tale curva, è necessario fare clic sul pulsante Mostra. Allo stesso tempo, la scelta di una coppia di sforzi interni variabili viene eseguita nell'elenco a discesa e tutti gli altri sforzi sono considerati pari ai valori specificati nel gruppo. Valori fissi di sforzi.

Usando il cursore, è possibile esaminare l'area della capacità portante dell'unità di base rigida mostrata sul grafico. Ogni posizione del cursore corrisponde ad una certa coppia di valori numerici di forze variabili, i cui valori sono visualizzati nei campi corrispondenti. Facendo clic con il pulsante destro del mouse è possibile visualizzare un elenco delle verifiche eseguite e i valori dei fattori per quella serie di sforzi interni, che corrisponde alla posizione corrente del cursore sull'area della curva di interazione.

Allo stesso tempo, il valore massimo del coefficiente per l'utilizzo dei vincoli K viene visualizzato nel campo Coefficiente.max, corrispondente ai valori correnti degli sforzi interni e nel campo Fattore critico viene indicato il nome del tipo di test per il quale è calcolato. Se il cursore del mouse si trova al di fuori dell'area della capacità portante, dove Kmax > 1, un segno di avvertimento appare accanto al nome del tipo di controllo.

Tabella. 1. Un elenco di controlli sulla capacità portante di elementi e collegamenti di soluzioni strutturali per nodi di basi di colonne rigide nel progetto secondo EN 1993-1-1: 2005 e EN 1993-1-8: 2005

Il tuo IP è bloccato

Assicurarsi di non utilizzare anonymizers / proxy / VPN o altri mezzi simili (TOR, friGate, ZenMate, ecc.) Per accedere al sito.

Invia una lettera per abusare di twirpx.com se sei sicuro che questo blocco sia errato.

Nella lettera, fornire le seguenti informazioni sul blocco:

Inoltre, si prega di specificare:

  1. Quale ISP usi?
  2. Quali plugin sono installati nel tuo browser?
  3. C'è un problema se disabiliti tutti i plugin?
  4. Il problema si presenta in un altro browser?
  5. Quale software VPN / proxy / anonimato usi di solito? Il problema si manifesta se li spegni?
  6. Hai mai controllato il tuo computer alla ricerca di virus per l'ultima volta?

Il tuo IP è bloccato

Anonizzatori / proxy / VPN o strumenti simili (TOR, friGate, ZenMate ecc.) Per accedere al sito web.

Contatta l'abuso [at] twirpx.com se conosci questo blocco è un errore.

Allega il seguente testo nella tua email:

Si prega di specificare anche:

  1. Quale provider internet (ISP) usi?
  2. Quali plugin e addon sono installati nel tuo browser?
  3. Sta ancora bloccando se disabiliti tutti i plugin installati sul tuo browser?
  4. Sta ancora bloccando se usi un altro browser?
  5. Quale software usi spesso per VPN / proxy / anonimato? Sta ancora bloccando se lo disabiliti?
  6. Da quanto tempo controlli il tuo computer alla ricerca di virus?

Il tuo IP è bloccato

Assicurarsi di non utilizzare anonymizers / proxy / VPN o altri mezzi simili (TOR, friGate, ZenMate, ecc.) Per accedere al sito.

Invia una lettera per abusare di twirpx.com se sei sicuro che questo blocco sia errato.

Nella lettera, fornire le seguenti informazioni sul blocco:

Inoltre, si prega di specificare:

  1. Quale ISP usi?
  2. Quali plugin sono installati nel tuo browser?
  3. C'è un problema se disabiliti tutti i plugin?
  4. Il problema si presenta in un altro browser?
  5. Quale software VPN / proxy / anonimato usi di solito? Il problema si manifesta se li spegni?
  6. Hai mai controllato il tuo computer alla ricerca di virus per l'ultima volta?

Il tuo IP è bloccato

Anonizzatori / proxy / VPN o strumenti simili (TOR, friGate, ZenMate ecc.) Per accedere al sito web.

Contatta l'abuso [at] twirpx.com se conosci questo blocco è un errore.

Allega il seguente testo nella tua email:

Si prega di specificare anche:

  1. Quale provider internet (ISP) usi?
  2. Quali plugin e addon sono installati nel tuo browser?
  3. Sta ancora bloccando se disabiliti tutti i plugin installati sul tuo browser?
  4. Sta ancora bloccando se usi un altro browser?
  5. Quale software usi spesso per VPN / proxy / anonimato? Sta ancora bloccando se lo disabiliti?
  6. Da quanto tempo controlli il tuo computer alla ricerca di virus?

Tipi, costruzioni di basi di colonne e loro calcolo

La base della colonna serve a distribuire la pressione concentrata dal nucleo della colonna sull'area della fondazione e garantisce il fissaggio dell'estremità inferiore della colonna secondo lo schema di progetto adottato.

Esistono due tipi principali di basi: incernierate e rigide. Le basi delle cerniere hanno il design più semplice. Per le colonne compresse centralmente, una base costituita da una base di acciaio spessa su cui poggia l'estremità fresata dell'asta (figura sotto) può essere applicata con notevole sforzo. Per le colonne leggere, non è pratico fresare la fine, poiché tutti gli sforzi possono essere trasferiti alla piastra di base attraverso le saldature con cui la colonna è attaccata alla piastra. Il raggio di collegamento (immagine sotto) crea un trasferimento più uniforme del flusso di corrente dalla colonna alla piastra. La particolarità di tutte le basi articolate è che i bulloni di ancoraggio (di solito ce ne sono due) fissano la base alla fondazione direttamente dietro la piastra di base.

Le basi rigide delle colonne compresse centralmente (figura sotto) hanno almeno quattro bulloni di ancoraggio che sono attaccati alle traverse. A causa di ciò, dopo aver serrato i bulloni, è esclusa la rotazione della colonna sul supporto.

In colonne eccentricamente compresse sono disposte basi rigide in grado di trasmettere momenti flettenti. A tal fine, la traversa deve essere sviluppata nella direzione del momento. Con punti di ancoraggio relativamente piccoli, le traverse sono realizzate con fogli di spessore 10-12 mm (come mostrato di seguito) o barre dei canali.

Tipi di basi di colonne

Lo spessore della base della piastra di base è determinato dal calcolo, ma per ragioni costruttive non accettano meno di 20 mm.

In genere, la base delle colonne si trova a 500-1000 mm sotto il pavimento dell'edificio e vetoniruyvayut per proteggere dalla corrosione.

Calcolo e progettazione di basi di colonne. La base serve a trasferire il carico dalle colonne dell'asta alla fondazione. Con un leggero carico (N 6 mm.

Calcolo delle soste

La lunghezza dell'area di liquidazione finale è pari a:

H - l'altezza stimata della sezione trasversale dello str dell'elemento 9.9 in [1].

Bs1 - la larghezza calcolata della lastra in cemento armato, presa in considerazione nella composizione della sezione del paragrafo 9.15 in [1].

Calcolo sul crollo del calcestruzzo:

Fig. 40 Il design del disco rigido.

passo massimo di un'enfasi;

Accettare arresti passo 1m

Verifica la resistenza delle piastre fermarsi:

Come schema di progettazione per la piastra di arresto, è possibile ottenere un raggio continuo su 2 supporti (nel caso di 2 nervature di irrigidimento) con sezioni a sbalzo, che è influenzato dal carico distribuito q definito dalla formula:

Progettazione e calcolo delle colonne di base

La base della colonna è presa secondo la Fig. 5.2. Le estremità delle aste delle colonne dopo la saldatura dei bracci trasversali vengono fresate e supportate su piastre di base pre-impostate e verificate con un piano superiore piallato.

Fig. 5.2. La base della colonna.

L'area di lavoro della piastra di base è determinata dalle condizioni in cui la tensione totale massima nel calcestruzzo della fondazione sul bordo della lastra non deve superare la resistenza calcolata del calcestruzzo (figura 5.3):

Fig. 5.3. Tracciare la pressione nel calcestruzzo sotto la piastra di base.

dove M è il valore calcolato del momento; M = 109,98 kN · m = 10 998 kN · cm;

N è la resistenza calcolata della forza longitudinale; N = 454,7 kN;

lapl - l'area della piastra, determinata dalla formula:

dove bpl - la larghezza della piastra di base, assegnata per motivi strutturali dalla formula:

dove bf - larghezza della mensola della colonna; Bf = 200 mm;

tmp - spessore trasversale, che dovrebbe essere 10... 14 mm; prendi tmp = 10 mm;

ilpl = 200 + 2 · 10 + 2 · 30 = 280 mm = 28 cm;

Lpl - la lunghezza della piastra di base, determinata dalle condizioni di resistenza del calcestruzzo secondo la formula:

RB loc - la resistenza calcolata del calcestruzzo sotto compressione locale, determinata dalla formula:

dove rB - la resistenza di progetto del calcestruzzo sotto compressione assiale; per calcestruzzo classe B20 RB = 1,15 kN / cm 2;

φB - il coefficiente di aumento della resistenza calcolata del calcestruzzo, presa in funzione del rapporto tra l'area di lavoro della piastra di base e l'area del bordo superiore della fondazione; φB = 1,2;

Accetta lpl = 49,0 cm

lapl = 28 · 49 = 1,372 cm 2;

Wpl - il momento di resistenza della piastra di supporto, determinato dalla formula:

Lo spessore della piastra di base è determinato dal suo lavoro sulla flessione sotto l'azione della pressione reattiva della fondazione (figura 5.3). Nello schema di progettazione adottato, ci sono tre sezioni della piastra con differenti condizioni di supporto. È necessario determinare i momenti flettenti in ciascuna sezione e assegnare lo spessore della piastra al più grande di essi. I momenti sono determinati dalla massima pressione su ciascuna sezione della piastra.

Sezione 1 - sbalzo della console:

Il tempo stimato sul sito 1 è determinato dalla formula:

dove σ1 - la pressione massima del supporto reattivo della fondazione, ma la striscia della sezione 1 con una larghezza di 1 cm; σ1 = = 1,38 cm 2;

- la dimensione della sezione 1 della console è determinata dalla formula:

Sezione 2 - recante su tre lati:

Il momento stimato della sezione 2 è determinato in base al rapporto tra la lunghezza (= bf = 20 cm) sezione 2 alla sua larghezza (b2). La larghezza della sezione 2 è determinata dalla formula:

dove h è l'altezza della sezione trasversale della colonna; h = 40 cm;

Sezione 3 - recante su quattro lati:

Il tempo stimato sul sito 3 è determinato dalla formula:

dove σ3 - la pressione massima del supporto reattivo della fondazione, ma la striscia della sezione 3 con una larghezza di 1 cm; è determinato geometricamente dalla formula:

dove tf - spessore della mensola della colonna; tf = 1,0 cm;

B3 - la lunghezza della sezione 3, determinata dalla formula:

coefficiente α determinato dalla tabella. 4.4 "Linee guida" in base al rapporto di lunghezza (b3 = 38 cm) della sezione 3 alla sua larghezza (). La larghezza della sezione 3 è determinata dalla formula:

dove tw - spessore della parete della colonna; tw = 0,8 cm;

Con b3/> 2 (b3/ = 38.0 / 9.6 = 3.96) coefficiente α = 0.125;

M3 = 0,125 · 1 · = 11,5 kN · cm.

Scegli tra i momenti calcolati nelle sezioni 1, 2, 3 massimo Mmax = M2 = 13,97 kN · cm Determinare lo spessore richiesto della piastra di supporto secondo la formula:

in cui Ry - resistenza calcolata dell'acciaio; Ry = 24 kN / cm 2;

Tenendo conto della futura fresatura della piastra di base, assumiamo che lo spessore della piastra sia maggiore di quello richiesto di 1 mm e che lo spessore accettato della piastra corrisponda allo spessore dei fogli laminati. Accetta lo spessore della piastra

Calcolo della traversa

Se la faccia di estremità non viene macinata, l'altezza della traversa viene determinata dalle condizioni di lavoro per tagliare le saldature del montaggio della traversa alle pareti della colonna. La forza attribuibile a una cucitura è determinata dalla formula:

dove amp - l'area da cui viene raccolta la pressione reattiva della fondazione su una giunzione della traversa (area ombreggiata in Fig. 5.3);

- massimo stress nel calcestruzzo di fondazione;

L'altezza della traversa viene portata alla lunghezza desiderata della linea di giunzione lw, che può essere determinato dalla formula:

dove nmp - lo sforzo progettuale attribuibile alla cucitura; Nmp = 473,34 kN;

βf - il rapporto tra la profondità di penetrazione della cucitura, definita dalla tabella. 20 "Materiale normativo e di riferimento". Per la saldatura semiautomatica con una gamba di cucitura fino a 8 mm βf = 0,9;

Kf - la gamba della cucitura angolare; Kf = 0,8 cm;

Rwf - la resistenza calcolata della saldatura del raccordo, determinata dalla tabella. 19 "Materiali normativi e di riferimento". Per la saldatura con elettrodi E-42

La lunghezza richiesta della cucitura deve soddisfare la condizione lw≤85 · βf · Kf. Questa condizione è soddisfatta. L'altezza richiesta della traversa è di 1,0 cm in più rispetto alla lunghezza richiesta della giunzione, ma l'altezza finale della traversa deve essere di almeno 40,0 cm.

perché lw + 1,0 cm = 36,52 + 1,0 = 37,52 cm 2;

Wpl - momento di resistenza della piastra di base; Wpl = 11.205 cm 3;

y è la distanza dal centro di gravità della zona di sollecitazione compressa all'asse dei bulloni di ancoraggio situati sul lato della zona tensionata; la distanza y è determinata dalla formula:

L'area richiesta dei bulloni di ancoraggio su un lato della piastra è determinata dalla formula:

dove rbt - la resistenza calcolata dei bulloni di ancoraggio presi

Dopo aver determinato l'area richiesta dei bulloni di ancoraggio, secondo la tabella. 4.5 "Linee guida" selezionare il bullone di ancoraggio del diametro richiesto. Per accettare un bullone di ancoraggio M48 con area Abn = 14,72 cm 2. Dal lato del fuoco della lastra, prendiamo anche un bullone di ancoraggio M48.

Calcolo delle tessere di ancoraggio.

Il momento flettente nella piastrella quando si posizionano i bulloni nel mezzo della campata (Fig. 5.5) è determinato dalla formula:

dove bf - la distanza tra la traversa (larghezza della flangia della colonna); Bf = 20,0 cm;

Il momento richiesto di resistenza della piastrella è determinato dalla formula:

Sul misuratore determiniamo il numero richiesto del canale, in cui 2 · Wxo ≥ Wmp. Prendiamo due canali 8 come barra di ancoraggio (W totale = 2 · 22,4 = 44,8 cm 3).

Calcolo delle soste antislittamento

La progettazione del fissaggio della base della colonna alla fondazione deve essere conforme allo schema di progettazione accettato della colonna.

Il fissaggio della base della colonna alla fondazione avviene tramite bulloni di ancoraggio. Il fissaggio rigido della base è fornito installando almeno tre bulloni. Nella cerniera basta installare due bulloni.

Il diametro dei bulloni nelle colonne compresse centralmente designare design. Per il fissaggio a perno, il diametro del bullone di ancoraggio è compreso nell'intervallo da a.

Le colonne delle scarpe progettano o prendono in considerazione la fresatura delle estremità della colonna o senza tener conto della fresatura.

Nel primo caso, la forza viene trasmessa direttamente alla piastra di base e le articolazioni che le connettono sono costruttive.

Lo spessore della lastra è determinato dal calcolo della flessione della consolle, caricato con la pressione reattiva del calcestruzzo e serrato lungo le linee della sezione di inviluppo della colonna.

Se l'estremità della colonna non viene fresata, il trasferimento di forza dalla colonna alla piastra di base avviene attraverso la traversa, che è un foglio di supporto verticale. La forza dalla colonna viene trasmessa alla traversa tramite saldature verticali e dalla traversa attraverso giunti orizzontali alla piastra di base. In questo caso, vengono calcolate le cuciture verticali e orizzontali.

Il piatto lavora su una curva come un piatto su una base elastica, percependo la pressione dei rami della traversa e delle costole. Lo spessore della piastra di base viene preso nell'intervallo da a, lo spessore della traversa - da a.

Va notato che la scarpa trasversale è più economica in termini di consumo di acciaio.

Calcola la base della colonna sotto forma di scarpa con traverse (Fig. 13 [5]).

Il materiale di base è acciaio; la resistenza calcolata (at) (tabella 51 * [10]); classe base in calcestruzzo con una forza calcolata.

Pressione stimata sulla lastra, tenendo conto del peso proprio della colonna:

Area della piastra di base richiesta:

Progettiamo una scarpa con una traversa da fogli che sono spessi con il rilascio di una lastra per fogli di traverso lungo.

Quindi la larghezza della piastra:

Prendi un piatto con dimensioni nel piano. Assegnando le dimensioni della fondazione, regola il coefficiente:

La tensione effettiva sotto la piastra di base:

Progettiamo una scarpa con una traversa da fogli di spessore. Saldarli agli scaffali della colonna e alle giunzioni delle lastre. Definiamo i momenti flettenti nella piastra in tre sezioni per determinare lo spessore della piastra (Fig. 13 [5]).

Sezione 1, supportata da 4 spigoli:

; (scheda 11, appendice 2 [1]);

Sezione 2, console:

Sezione 3, supportata da 3 spigoli.

pertanto, la lastra viene calcolata come un raggio a sbalzo.

Determina lo spessore della lastra al momento massimo:

Accettiamo secondo lo spessore delle foglie GOST 19903-74 *.

L'attacco della traversa alla colonna viene eseguito mediante saldatura semiautomatica con filo di saldatura. Lo spessore trasversale è accettato, altezza -.

Gli attaccamenti sono calcolati sul confine della fusione, prendendo la gamba delle cuciture d'angolo.

Verifica la lunghezza ammissibile della cucitura:

I requisiti per la lunghezza massima della cucitura sono soddisfatti. Le giunzioni di fissaggio alla piastra sono realizzate con cuciture angolari.

Nota: quando si calcola la lunghezza totale delle cuciture su ciascun lato della cucitura, si è tenuto conto della penetrazione.

Calcolo dei denti per la resistenza alla flessione

Nei denti, che sono in impegno, sorge uno stato di stress complesso e, pertanto, il calcolo esatto degli stress è associato a notevoli difficoltà matematiche. In fase di progettazione, vengono generalmente eseguiti calcoli approssimativi degli sforzi nella zona di transizione dell'evoluzione nel raccordo.

(alla base del dente). Questa sezione è la più pericolosa dal punto di vista della forza a causa della presenza del massimo momento flettente e della concentrazione di stress causata dalla presenza di filetti. Il calcolo delle sollecitazioni di flessione viene effettuato con le seguenti ipotesi: I) l'intero carico viene trasferito da una coppia di denti e applicato nella parte superiore del dente;

2) il dente è considerato come una trave a sbalzo a sbalzo.

Le sollecitazioni calcolate dallo schema di calcolo semplificato sono ulteriormente adeguate utilizzando i coefficienti appropriati.

Lo schema di progettazione del dente è mostrato in fig. 3.19 Trasferiamo la forza di pressione tra i denti degli ingranaggi e la ruota lungo la sua linea di azione in un punto situato sull'asse di simmetria del dente, e la scomponiamo in due componenti: orizzontale, causando tensioni di flessione e verticale, causando tensioni di compressione -. L'angolo nella parte superiore dei denti è leggermente maggiore dell'angolo del profilo sulla superficie di lavoro del dente. La forza è chiamata circonferenziale e la forza è chiamata radiale. I diagrammi di tensione da flessione, compressione e totale sono mostrati in Fig. 3.19. Sebbene le maggiori tensioni di compressione si verifichino sul lato non funzionante di un dente, la sua analisi della resistenza viene effettuata utilizzando tensioni di trazione sul lato di lavoro.

Fig. 3.19 il calcolo della flessione dei denti

Ciò è dovuto al fatto che lo stress da trazione contribuisce alla crescita delle microfessure che si verificano sulla superficie dei denti dopo la loro fabbricazione, e la distruzione inizia sul lato del dente, dove agiscono le tensioni di trazione.

Lo stress totale sul lato allungato del dente è,

dove: - sollecitazioni di flessione;

W è il momento di resistenza della sezione del dente alla flessione;

- l'area della sezione trasversale della base del dente;

- spessore del dente alla base.

Come notato sopra, quando si calcola un dente per la flessione, è necessario tenere conto del rapporto di concentrazione dello stress di una gamba del dente (), il numero di denti simultaneamente (), il coefficiente di inclinazione del dente negli ingranaggi elicoidali (), la distribuzione irregolare del carico tra i denti ()

il coefficiente di distribuzione non uniforme del carico attraverso la larghezza del dente (),

carica il fattore dinamico ().

Lo sforzo di flessione calcolato alla base del dente, tenendo conto di quanto sopra, sarà scritto nella seguente forma:

Sostituendo nella formula i valori di tensione di Ft e fr, espressi dalla forza di pressione dei denti l'uno sull'altro F, e introducendo alcune denominazioni, otteniamo finalmente la condizione della forza del dente durante la piegatura

Nella formula precedente, la seguente notazione:

- fattore di forma del dente determinato dal grafico di fig. 3.20;

- forza circonferenziale calcolata specifica;

- sforzo di flessione;

m è il modulo di trasmissione.

Per comodità dei calcoli, la formula per le tensioni di flessione totali può essere convertita sostituendo i seguenti valori in essa, espressi tramite il modulo

dove z è il numero di denti della ruota;

- rapporto della larghezza della corona dentata, i cui valori sono indicati sopra.

Fig. 3,20 Grafico della forma del dente

Sostituendo i valori specificati dei parametri nella formula per le tensioni, possiamo scrivere l'espressione del modulo utilizzata nel calcolo del progetto:

dove = 14 - per gli ingranaggi cilindrici; - per ingranaggi elicoidali.

Nella formula sopra, T-Nm, - MPa, m- mm. Il valore risultante del modulo dovrebbe essere arrotondato dalla riga standard. Il numero di denti dell'ingranaggio è solitamente impostato. Per gli ingranaggi che vengono eseguiti senza mescolare l'utensile da taglio, si consiglia di prendere Z. Nelle trasmissioni ad alta velocità al fine di ridurre il rumore, si consiglia di prendere. Per ridurre le dimensioni del trasferimento è consentito prendere, ma richiede la correzione dello strumento di taglio nella produzione di ingranaggi.

Quando si eseguono calcoli di verifica dei denti per la flessione, viene utilizzata la formula per le sollecitazioni ottenute da quanto sopra:

dove è determinato dai grafici di Fig.3.15 e tabella 3.I.

Lo sforzo di flessione consentito per i denti si trova dal rapporto sopra,

dove è il limite di resistenza del dente alla flessione, corrispondente al numero di base dei cicli di sollecitazione (Tabella 3.3);

= 1.7. 2.2 fattore di sicurezza;

- tiene conto dell'influenza dell'applicazione bilaterale del carico sui denti:

= I per un paio di ingranaggi; = 0,7. 0.8 - con carico bilaterale;

= 4 · 10 - il numero base di cicli di sollecitazione;

- numero equivalente di cicli di stress.

L'indice di radice è m = 6 con la durezza superficiale dei denti HB 350 e m = 9 per i denti con HB> 350.

Il valore della trasmissione quando si lavora con carico costante è uguale a

dove C è il numero di ingranaggi che sono in mesh con l'ingranaggio calcolato;

n - frequenza di rotazione della ruota, min;

t - orario di lavoro all'ora.

Quando si lavora la trasmissione con carichi variabili, dato il grafico di Fig. 3.19, il valore è determinato dal rapporto.

Quando prendi K = I.

Se l'ingranaggio e la ruota sono fatti dello stesso materiale, allora viene eseguito il calcolo dei denti per la piegatura per l'ingranaggio, in cui lo spessore dei denti alla base è minore e quindi più coefficiente. Poiché in pratica, il materiale degli ingranaggi è reso più duraturo del materiale della ruota, il calcolo dei denti per la flessione viene effettuato sulla ruota dentata, in cui il rapporto ha un valore inferiore.

Sotto l'azione di breve termine. sovraccarico i denti delle ruote sono controllati per deformazione plastica o frattura fragile, determinando il massimo sforzo utilizzando la formula

dove è la tensione nominale al carico nominale;

Calcolo delle soste antislittamento

dove gg - peso alla rinfusa del suolo;

j, C - il corrispondente angolo di attrito e presa;

re - la pressione verticale ridotta dell'ancora, determinata dalla formula

dove lw - distanza tra gli speroni (negli assi);

h è lo spessore del rivestimento nella zona di ancoraggio;

gB - peso alla rinfusa del calcestruzzo.

4.17. La distanza minima tra gli speroni dovrebbe essere determinata dalla formula

tuttavia lw non dovrebbe essere inferiore a 3 m.

4.18. La forza dell'ancoraggio del tipo di sperone su flessione e taglio dall'impatto della resistenza del terreno (qg) è determinato nella sezione calcolata (1-1) della condizione

dove M è il momento flettente nella sezione 1-1 dalla resistenza del suolo (qg):

in - la larghezza del rivestimento, presa pari a 1 m;

4.19. La capacità portante del terreno dell'ancora tipo pila non è determinata quando la profondità di guida (accumulo) delle pile

dove d è lo spessore dell'albero del palo.

4.20. La sezione calcolata dell'ancora del palo (il posto della coppia di pali con la piastra di copertura) viene controllata per il taglio dall'impatto della forza orizzontale Pg secondo la formula:

dove e - l'area della sezione trasversale delle pile di calcestruzzo e di rinforzo;

- resistenza standard del rinforzo a taglio, presa uguale a

4.21. Le pile vengono posizionate in fila o in ordine sfalsato e la distanza minima tra gli assi delle pile nel piano del fondo del coperchio deve essere almeno di tre pile spesse.

La distanza dal bordo del rivestimento alla faccia più vicina della pila deve essere di almeno 25 cm.

5. Progettazione di basi continuamente rinforzate

5.1. Si consigliano fondamenta in cemento armato continuamente rinforzate per sistemare le autostrade con traffico intenso.

5.2. Gli abiti da strada con basi continuamente rinforzate in aree di costruzione di massa possono essere disposti in due fasi:

a) nella prima fase, che dura da due a cinque anni e comprende un periodo di costruzione di massa, la lastra di cemento armato continua continua funge da copertura per il passaggio di veicoli pesanti da costruzione;

b) nella seconda fase, la lastra rinforzata in modo continuo è ricoperta da uno strato di asfalto in calcestruzzo e funziona nella modalità base per il passaggio di veicoli a motore.

5.3. La progettazione dei marciapiedi con basi continuamente rinforzate viene presa su PP. 2.1 - 2.10, 2.11 con l'installazione di un ulteriore strato superiore di asfalto. Basi continuamente rinforzate possono anche essere posate direttamente sullo strato sottostante sabbioso.

5.4. Il rinforzo continuo deve essere posizionato sull'asse neutro della base. Le cuciture trasversali sulla base non sono organizzate. Le cuciture longitudinali si adattano a 7,0 - 7,5 m.

5.5. I requisiti per i materiali per basi continuamente rinforzate dovrebbero essere presi su PP. 3.1 - 3.10, eccetto per:

a) la classe di calcestruzzo non deve essere inferiore a B15.0;

b) la resistenza al gelo del calcestruzzo non deve essere inferiore a F100.

5.6. Il carico sulla base continuamente rinforzata dovrebbe essere preso sotto forma di una macchina gr. A.

5.7. Il calcolo delle basi continuamente rinforzate nelle direzioni longitudinale e trasversale dovrebbe essere effettuato secondo il primo stato limite, che garantisce il progetto dall'esaurimento della capacità portante per la resistenza e la resistenza quando esposto al trasporto su strada.

5.8. Il calcolo dei motivi è effettuato in conformità con i paragrafi. 4.7 - 4.11 e si compone di due fasi:

a) nella prima fase, la base continuamente rinforzata senza considerare gli strati superiori di asfalto in calcestruzzo è calcolata sull'impatto totale del trasporto sull'intero periodo di costruzione di massa;

b) nella seconda fase, la base, tenendo conto della pavimentazione in asfalto, viene calcolata per la durata di servizio specificata per il passaggio dei veicoli.

Si assume che lo spessore della base rinforzata continuamente nei calcoli del secondo stadio sia hTS.B. + Dh ¢,

5.9. Il calcolo degli arresti di fine corsa viene effettuato in conformità con i paragrafi. 4.4, 4.14 - 4.20.

5.10. Le basi rinforzate continuamente possono essere aperte per il movimento di veicoli da costruzione quando raggiungono una resistenza pari al 70% della classe di progettazione, ma non prima di 14 giorni dal momento della posa del calcestruzzo.