Il punto di scorrimento minimo del calcestruzzo - caratteristiche del calcestruzzo in inverno

Quando si lavora con il calcestruzzo, è estremamente importante tenere conto dell'effetto della temperatura ambiente sulla sua velocità di indurimento e resistenza. Ignorare questo punto può portare a una diminuzione della qualità del materiale, che in alcuni casi è semplicemente inaccettabile. Pertanto, considereremo di seguito quale sia la temperatura ottimale per l'indurimento del calcestruzzo e cosa fare se la temperatura ambiente è significativamente inferiore a questa cifra.

L'esecuzione del massetto nella stagione fredda

Informazioni generali

Quindi, la temperatura migliore per l'indurimento del calcestruzzo è considerata di circa + 20 gradi Celsius. Tuttavia, non è sempre possibile resistere a tali condizioni. Ci sono casi in cui è necessario eseguire calcoli nella stagione fredda.

Ad esempio, la necessità di lavori invernali può presentarsi nei seguenti casi:

  • Concretizzare in terreni sbriciolati, che è difficile da eseguire nella stagione calda.
  • Sconti invernali sul cemento. A volte il prezzo del materiale può essere davvero molto basso, ma, allo stesso tempo, non ha senso tenerlo prima dell'inizio del riscaldamento, poiché la qualità del cemento diminuirà. In una situazione del genere, l'opzione migliore sarebbe lavorare in condizioni di bassa temperatura.
  • Con costruzione privata. Spesso, è più facile ottenere una vacanza in inverno che in estate.

Fai attenzione! In inverno, più costoso scavare trincee, inoltre, è necessario fornire un posto per il riscaldamento delle persone. Pertanto, la costruzione non è sempre redditizia.

Riempire le fondamenta in inverno

Caratteristiche del calcestruzzo per colata a basse temperature

Prima di tutto è necessario capire quale temperatura, quando si lavora con il calcestruzzo, dovrebbe essere considerata bassa. È considerato un clima freddo tra i costruttori se la temperatura media giornaliera scende sotto i + 4 gradi Celsius. In questo caso, per il successo di questa operazione di costruzione con le tue mani, devi prendere precauzioni speciali che proteggeranno la soluzione dagli effetti negativi del freddo.

Il fatto è che il congelamento del calcestruzzo a basse temperature avviene in un modo speciale. La velocità di questo processo e la qualità del risultato finale dipendono dalla temperatura dell'acqua nella composizione.

Più è alto, si verifica, rispettivamente, un congelamento più veloce. Il suo tasso ottimale è 7-15 gradi.

Tuttavia, la bassa temperatura ambientale in ogni caso ha un effetto critico sulla velocità di idratazione del cemento. Di conseguenza, la polimerizzazione e l'indurimento si verificano molto più lentamente.

Riscaldamento di un seminterrato appena piantato

Per calcolare quanto calcestruzzo indurisce a temperature inferiori, è necessario tenere conto del fatto che la sua caduta di 10 gradi riduce la velocità dell'indurimento due volte. Tali calcoli sono importanti quando si pianificano i lavori di costruzione e la rimozione delle casseforme.

Fai attenzione! Se la temperatura scende sotto i -4 gradi Celsius, la malta si congelerà semplicemente e, in questo caso, il processo di solidificazione si fermerà del tutto e il calcestruzzo perderà fino al 50% della sua forza.

Tuttavia, ci sono aspetti positivi del versamento a bassa temperatura - con una corretta organizzazione del processo, c'è la possibilità di ottenere un risultato migliore, poiché una temperatura iniziale più bassa alla fine dà una maggiore resistenza. L'unica cosa che devi ricordare a quale temperatura congela la soluzione concreta, ad es. assicurarsi che non scenda sotto i -4 gradi.

Additivo per aumentare la velocità di indurimento

Aumento artificiale del tasso di indurimento

Poiché il calcestruzzo congela molto lentamente a temperature sotto lo zero e i tempi di costruzione sono spesso limitati, i costruttori hanno creato diversi modi per accelerare questo processo.

I più comuni sono i seguenti:

  • Aggiunta di additivi speciali alla soluzione;
  • Riscaldamento in calcestruzzo con cavo elettrico;
  • Usando più cemento nella composizione.

Ora diamo un'occhiata più da vicino alle caratteristiche di ciascuno di questi metodi.

Usando i modificatori

Molto spesso, quando si effettuano lavori di costruzione in inverno, si utilizzano i modificatori dei seguenti tipi:

  • Additivi di tipo C - acceleratori di cementazione;
  • Gli additivi di tipo E sono booster sostitutivi dell'acqua.

Il più efficace e comune è il cloruro di potassio. Tuttavia, la sua quota nella massa totale non dovrebbe superare il 2%.

Va detto che gli acceleratori di tempra non influenzano la qualità del calcestruzzo, tuttavia, allo stesso tempo non lo proteggono dal congelamento. Inoltre, il loro uso non annulla i requisiti per la temperatura della soluzione e l'attuazione di misure per proteggerlo dal congelamento.

Fai attenzione! Quando si esegue un massetto o una fondazione, è necessario considerare immediatamente la presenza di aperture e canali per la comunicazione, poiché l'elaborazione successiva richiederà molto tempo. Inoltre, richiederà uno strumento speciale, ad esempio il taglio del cemento armato con cerchi diamantati implica la presenza di una potente smerigliatrice.

Utilizzo di fili per riscaldare il calcestruzzo

Riscaldamento in calcestruzzo

Per il riscaldamento del calcestruzzo utilizzare spesso un cavo speciale. Questo metodo può essere definito il più naturale. L'unica cosa per ottenere un risultato positivo dovrebbe essere strettamente seguita da alcune istruzioni per il riscaldamento (scopri anche come il calcestruzzo viene riscaldato da una saldatrice).

A differenza del metodo precedente, il riscaldamento consente di proteggere il calcestruzzo dal congelamento. Di conseguenza, non è necessario calcolare a quale temperatura il calcestruzzo indurisce e per quanto tempo dura questo processo, poiché è possibile fornire condizioni abbastanza normali.

Nella foto - cavo per il riscaldamento del calcestruzzo

Aumento del dosaggio del cemento

Questo metodo può essere utilizzato con una leggera diminuzione della temperatura. Aumentare il dosaggio dovrebbe essere piccolo, altrimenti la qualità del calcestruzzo e la sua durata potrebbero essere significativamente ridotti.

Suggerimento: Se dopo l'indurimento della malta è stato necessario forarlo, allora il metodo più efficace è la perforazione a diamante di fori nel calcestruzzo.

conclusione

Il calcestruzzo alle temperature minime ha un certo numero di caratteristiche e richiede un approccio speciale all'esecuzione dei lavori. La cosa più importante è prevenire il ciclo di congelamento e scongelamento della soluzione. Ma allo stesso tempo, se si esegue l'operazione correttamente, alla fine si otterrà un materiale più durevole rispetto a quando si esegue il casting in condizioni normali (vedere anche l'articolo "Partizioni di calcestruzzo aerato - le principali sfumature di costruzione").

Dal video in questo articolo è possibile ottenere alcune informazioni aggiuntive su questo argomento.

Indurimento del calcestruzzo a seconda della temperatura

Tempi di indurimento del calcestruzzo in funzione della temperatura ambiente

Il processo di indurimento della soluzione concreta si riferisce alle fasi significative dei lavori di costruzione. La forza della struttura monolitica dipende in ultima analisi dalla sua durata. Dopo aver versato la miscela nella cassaforma, secondo i grafici o le tabelle, viene stabilito il tempo approssimativo di indurimento del calcestruzzo, a seconda della temperatura e dell'umidità dell'aria circostante. Viene anche preso in considerazione il segno di design di una pietra artificiale.

Ciò che influenza i tempi di indurimento della massa di calcestruzzo

Le condizioni di temperatura e umidità svolgono un ruolo enorme nel processo di impostazione e polimerizzazione del calcestruzzo. Nei giorni caldi, la superficie del monolite viene inumidita con acqua in modo che la polvere di cemento abbia abbastanza liquido per completare le reazioni chimiche. In tali condizioni, l'impostazione della pietra è molto più veloce rispetto alle basse temperature. È necessario tenere conto del fatto che i valori negativi e la carenza di acqua possono persino arrestare la solidificazione della massa di malta.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che la temperatura ambiente ottimale per l'avvio e il proseguimento del processo di indurimento del calcestruzzo è di 20-30 gradi. Allo stesso tempo, l'umidità sulla sua superficie dovrebbe essere almeno del 90 percento, che si ottiene irrigando e coprendo il ciuffo con pellicola o materiale di copertura. Le condizioni descritte permetteranno alla pietra di guadagnare il 70% di forza durante i primi 5-7 giorni dopo il lancio della cassaforma. Le prestazioni vintage si raggiungono in due o quattro settimane.

Naturalmente, le condizioni di laboratorio non possono essere trasferite alla realtà. Nelle aree aperte, la temperatura e l'umidità cambiano costantemente in base a:

  • ora del giorno;
  • cambiamenti stagionali;
  • caratteristiche climatiche;
  • la presenza di precipitazioni, ecc.

In effetti, un insieme di forza di compressione concreta impiega molto più a lungo di 28 giorni, ma il processo di indurimento successivo avanza così lentamente rispetto ai primi sette giorni che, dopo quattro settimane, nella maggior parte dei casi, non viene preso in considerazione. Sebbene in condizioni avverse provocate da basse temperature, il tempo di congelamento aumenta di diversi giorni o addirittura settimane.

In condizioni industriali, il getto di calcestruzzo è consentito di funzionare a temperature inferiori allo zero. Per evitare il congelamento dell'acqua nella soluzione e per accelerare la polimerizzazione della massa di calcestruzzo, è costretto a riscaldarsi. Spesso, additivi speciali vengono aggiunti alla soluzione.

Si consiglia agli sviluppatori privati ​​di riempire strutture monolitiche nel periodo estivo dell'anno, quando la temperatura media giornaliera non scende sotto i 15-20 gradi.

I lavori dovrebbero essere pianificati in anticipo. È importante assicurarsi che il tempo di congelamento del calcestruzzo termini prima dell'inizio delle notti fredde. In caso di abbassamento della temperatura media giornaliera ad un livello di +5 gradi, la pietra in fase di indurimento è coperta con materiali isolanti, e se c'è una minaccia di gelo, una serra è installata sopra il blocco monolitico.

Termini di indurimento del calcestruzzo, in base a fattori esterni

Come menzionato sopra, la durata dell'indurimento della massa del calcestruzzo aumenta con la diminuzione della temperatura ambiente. Idealmente, la marca di calcestruzzo M300 guadagna il 100% della forza di compressione a +20 gradi dopo 28 giorni, mentre con indicatori di temperatura giornalieri medi di +5 gradi quattro settimane, la forza può raggiungere solo il 77%. Considerando i grafici di indurimento di una pietra concreta, che sono linee curve, è possibile dire con certezza che in quest'ultimo caso, il periodo dell'insieme della forza del progetto sarà raddoppiato rispetto alla versione precedente.

In alcuni casi, il pre-carico delle strutture in calcestruzzo è consentito dopo il 50% di polimerizzazione del monolite. Qui, la dipendenza della forza dalla temperatura è la seguente:

  • a +20 gradi dovrebbero passare più di 3 giorni dopo che la cassaforma è stata versata;
  • a +10 gradi - non meno di 5 giorni;
  • a +5 - 8 giorni o più.

Nella stagione calda, quando il termometro supera i 30 gradi, possono essere necessarie solo 48 ore per ottenere il 55% di forza. Ma con un tale congelamento rapido del calcestruzzo, si consiglia di caricare la costruzione, tuttavia, non prima di 4-5 giorni. In questo caso, sarebbe meglio essere sicuri piuttosto che rifare il lavoro.

24/10/2016 alle 11:10

La dipendenza della forza del calcestruzzo dalla temperatura di tempra.

Di norma, la normale temperatura di indurimento del calcestruzzo è considerata di 15-20 °. Più bassa è la temperatura, più lentamente aumenta la forza. Se il segno scende sotto lo zero, il calcestruzzo si indurirà solo se i sali vengono aggiunti all'acqua che abbassa il punto di congelamento.

Nel caso in cui il calcestruzzo cominciasse a indurirsi e poi gelare, il processo continuerà dopo lo scongelamento. Se l'acqua ghiacciata inizialmente non danneggia la struttura del calcestruzzo, la resistenza del materiale aumenterà in modo significativo.

Indurimento ad alte temperature.

In condizioni di alta temperatura, il calcestruzzo indurisce più velocemente, soprattutto se il processo si verifica in condizioni di elevata umidità. A temperature elevate, è difficile proteggere il calcestruzzo dall'asciugatura, pertanto non può essere riscaldato oltre gli 85 °. Un esempio di eccezione è la sterilizzazione in autoclave con vapore ad alta pressione nelle piante.

La forza del calcestruzzo, che si indurisce a temperature diverse (la velocità non ha importanza), è determinata approssimativamente dai parametri di progettazione del calcestruzzo R28 moltiplicato per i coefficienti della tabella di S. A. Mironov (vedi tabella). R28 indurisce a temperatura normale per 28 giorni.

Opere e requisiti di base per il calcestruzzo in inverno.

È importante che il calcestruzzo posato in inverno, indurito e acquisito forza nello stesso inverno. La forza dovrebbe essere sufficiente per spogliare, carico parziale o addirittura completo della struttura.

In ogni caso, il calcestruzzo non dovrebbe congelare fino a quando non raggiunge almeno la metà della sua forza di progettazione. Anche se si utilizzano materiali ad indurimento rapido, il tempo di indurimento in condizioni di caldo non dovrebbe essere inferiore a 2 o 3 giorni, se si usa il cemento normale - da 5 a 7 giorni.

L'effetto negativo delle basse temperature

Come dimostra la pratica, il congelamento del calcestruzzo in una fase iniziale riduce notevolmente la sua affidabilità in futuro. L'acqua gelata nella malta fresca rompe il legame tra la pietra cementizia e l'aggregato, così come l'adesione al rinforzo nelle strutture in cemento armato.

Più tardi il cemento si è congelato, maggiore sarà la sua forza. Affinché il calcestruzzo acquisisca le caratteristiche necessarie, in inverno è necessario garantirne l'indurimento in condizioni calde e umide per tutto il periodo necessario.

Garantire il corretto indurimento del calcestruzzo in inverno.

Stimolare il processo in due modi:

  • usando il calore interno del cemento;
  • trasferire calore aggiuntivo dall'esterno.

Nel primo caso, è necessario utilizzare solo cemento ad alta resistenza ad alta indurimento, ad esempio l'allumina o il cemento Portland. Si consiglia inoltre di utilizzare un acceleratore indurente, come il cloruro di calcio, per ridurre il volume di acqua nella soluzione, per sigillarlo con vibratori di alta qualità. Ciò permetterà al calcestruzzo di acquisire la forza necessaria non in 28 giorni, ma in soli 3 - 5 giorni.

Temperatura di polimerizzazione del calcestruzzo

Che tempo è necessario per l'indurimento del calcestruzzo, c'è qualche dipendenza dalla temperatura

La forza del calcestruzzo è la sua caratteristica principale, grazie alla quale è possibile determinare la qualità delle strutture monolitiche. La ragione è che la forza è direttamente correlata alla struttura della pietra concreta. Il processo di indurimento del calcestruzzo è molto difficile. Durante tali eventi, l'interazione tra cemento e acqua.

Questo indica per quanto tempo il calcestruzzo si indurisce.

Il risultato dell'idratazione del cemento è la formazione di nuovi composti e la formazione di calcestruzzi. Come risultato dell'indurimento, il calcestruzzo diventa più forte, ma la forza viene acquisita non immediatamente, ma gradualmente. Questo potrebbe richiedere più di un mese.

Prima di procedere ai lavori di costruzione, è necessario prendere in considerazione condizioni specifiche che in un certo modo influenzano la durata dell'indurimento del calcestruzzo.

Periodo dell'anno

Un'alta percentuale dell'influenza sull'indurimento della soluzione concreta ha fattori ambientali. Tenendo conto delle condizioni di temperatura e dell'importanza atmosferica, i tempi per la solidificazione e la completa asciugatura possono essere diversi giorni, ma a condizione che tutti gli eventi si siano svolti in estate. Ma in questo caso, c'è uno svantaggio, che è la bassa resistenza della struttura risultante. Se il lavoro è stato svolto in inverno, la struttura terrà una grande quantità di umidità per un mese.

Il prezzo concreto M200 e altri dati tecnici sono elencati nell'articolo.

Il video racconta il tempo di indurimento del calcestruzzo, a seconda della temperatura:

La durata dell'indurimento del calcestruzzo è in gran parte determinata dalla densità di posa della composizione dell'edificio. Naturalmente, maggiore è il suo tasso, più lenta l'acqua lascia la struttura e gli indicatori di idratazione del cemento saranno migliori. Nella costruzione industriale, questo problema è già stato risolto. In questo caso, è coinvolta la vibro-processing, in condizioni di casa c'è un'opzione alternativa - splicing

Va notato che l'accoppiatore ad alta densità è molto difficile da tagliare e trapanare. Non può fare a meno di attrezzature come il borace con rivestimento diamantato. Se usare i trapani con un suggerimento abituale, falliscono immediatamente.

La foto mostra la composizione del calcestruzzo

I componenti che sono nella composizione della miscela di cemento, hanno anche un ruolo importante per il tempo di impostazione del calcestruzzo. Se nella composizione è presente una grande quantità di materiali porosi, il processo di disidratazione della struttura sarà molto più lento. Se la composizione è dominata da componenti come sabbia e ghiaia, tutta l'acqua uscirà rapidamente dalla soluzione.

Per rendere più lento il processo di evaporazione dei benefici del calcestruzzo e anche per migliorarne le caratteristiche di resistenza, vale la pena utilizzare speciali additivi. Di norma, è un betonit, una composizione di sapone. Naturalmente, ciò richiederà una piccola somma di denaro, ma è possibile proteggere la struttura dall'essiccamento prematuro.

Qual è la composizione del calcestruzzo per la zona cieca è meglio applicare indicato nell'articolo.

Garantire condizioni di polimerizzazione

Quando è necessario ottenere una lunga permanenza di umidità nella miscela di cemento, è opportuno installare il materiale impermeabilizzante sulla cassaforma. A condizione che il telaio di stampaggio sia in plastica, non ha senso gettare un ulteriore strato di impermeabilizzazione. Lo smantellamento della cassaforma deve essere effettuato solo dopo 8-10 giorni. Durante questo periodo, il calcestruzzo è già riuscito ad afferrare e può continuare ad asciugare senza cassaforma.

Per la ritenzione di acqua nel calcestruzzo, vari additivi modificanti possono essere introdotti nella malta. Se è necessario ottenere una solidificazione rapida e camminare già sulla struttura versata, è opportuno aggiungere ingredienti speciali alla soluzione, che consentono di ottenere un accoppiamento rapido.

Bassa evaporazione

Quando la soluzione di cemento viene afferrata, viene immediatamente coperta con un involucro di plastica. Grazie a tali misure, è possibile trattenere l'umidità nel calcestruzzo nei primi giorni dopo l'installazione della struttura. Una volta ogni 3 giorni il film deve essere rimosso e la superficie viene trattata con acqua.

Quando il tempo di colata è di 20 giorni, il film può essere rimosso per sempre e attendere che il massetto sia completamente asciutto in condizioni normali. Di solito ci vogliono 28-30 giorni. Già dopo questo periodo, è possibile camminare intorno alla base e persino installare varie strutture di costruzione.

Tempo di congelamento a diverse temperature

È necessario indicare che il tempo di presa del calcestruzzo nel cassero può arrivare fino a 7 giorni. Solo dopo che la cassaforma può essere smantellata. In questo caso, è possibile preservare l'integrità della struttura in calcestruzzo. Ma nella maggior parte dei casi, questa cifra dipende dalla marca del calcestruzzo e dalle condizioni di temperatura.

Questo articolo indica quanto cemento va a 1 metro cubo di calcestruzzo.

Tabella 1 - Tempo di indurimento del calcestruzzo, a seconda della temperatura

Tempo di indurimento del calcestruzzo

Temperatura minima

È possibile eseguire il getto di calcestruzzo nella stagione fredda solo a condizione che sia necessario il necessario idro e isolamento termico della struttura dopo i lavori di installazione. A causa del fatto che le basse temperature rallentano il processo di idratazione e, di conseguenza, una serie di caratteristiche di resistenza, è molto importante attendere rigorosamente il tempo richiesto. Di norma, quando la modalità di temperatura è di -5 gradi, per guadagnare forza, è necessario aumentare il tempo di 5-7 volte, in contrasto con la temperatura raccomandata di 20 gradi.

L'articolo descrive la selezione della composizione del calcestruzzo pesante.

Il video descrive il punto di scorrimento minimo del calcestruzzo:

Pertanto, è necessario riempire le fondamenta nel periodo invernale solo se si sa come versare correttamente il calcestruzzo al freddo. La condizione principale è l'osservanza di tutte le regole, quindi la qualità del riempimento non sarà peggiore di quella dei giorni favorevoli.

I costruttori esperti non risparmiano sulla costruzione e utilizzano la pompa per calcestruzzo. Inoltre, è importante eseguire una corretta manutenzione del calcestruzzo. Quando si versa durante le gelate, è opportuno aggiungere additivi resistenti al gelo alla miscela e riscaldare la cassaforma. Dopo questo è necessario effettuare il riscaldamento del pad di cemento. Se tutte queste condizioni sono soddisfatte, sarà del tutto irrilevante in quali condizioni di temperatura si verificherà il versamento del calcestruzzo.

Puoi scoprire quanto pesa un cubo di calcestruzzo M400 in questo articolo.

Il processo di versamento delle fondamenta è un processo molto complesso. Per garantire la forza necessaria, vale la pena aspettare il tempo impostato correttamente. Se l'umidità dalla struttura evapora prima del tempo specificato, i parametri di resistenza saranno insignificanti, il che porterà a un deterioramento della qualità della futura costruzione.

Riparazione del calcestruzzo a basse temperature - consulenza professionale

La riparazione del calcestruzzo a temperature negative, oltre a cementare in condizioni invernali, è piuttosto problematica e sono indispensabili miscele speciali per riparazioni. La violazione della base di cemento e, di conseguenza, l'indebolimento della capacità portante dei componenti strutturali, è un problema serio che richiede una soluzione efficace e immediata (vedere il video in questo articolo).

Questo articolo affronterà non solo il problema della riparazione del calcestruzzo in condizioni invernali, ma anche i motivi che possono portare a questi problemi.

Proprietà concrete

Il calcestruzzo è un materiale artificiale derivante dall'indurimento di una miscela di acqua, cemento e aggregati. La produzione e l'indurimento della composizione del cemento passa attraverso diverse fasi della formazione di strutture cristalline.

La struttura dell'acqua che avvolge i grani di cemento crea attorno a loro un guscio, mediante il quale le particelle di cemento sono collegate l'una all'altra (il processo di idratazione). Allo stesso tempo, piccoli cristalli cominciano ad apparire nella struttura di cemento, che poi si trasforma in un reticolo cristallino denso. Lo stadio di cristallizzazione predetermina il processo di formazione di calcoli di cemento e l'aumento della resistenza del calcestruzzo.

Il rallentamento o l'accelerazione del processo di polimerizzazione del calcestruzzo dipende dalla temperatura iniziale della miscela, le caratteristiche adsorbenti del cemento, determinate dalla sua composizione mineralogica.

L'effetto delle basse temperature sulle proprietà del calcestruzzo

L'indurimento della soluzione di calcestruzzo è favorito da una temperatura di 15-25 ° C, con cui la struttura in calcestruzzo raggiunge la resistenza ottimale al 28 ° giorno.

Quando la temperatura scende agli indicatori negativi, l'acqua contenuta nella struttura della miscela di calcestruzzo si trasforma in cristalli di ghiaccio. Come conseguenza della formazione di tali cristalli, il volume d'acqua aumenta del 9%, mentre la pressione aumenta, contribuendo alla rottura dei legami strutturali esistenti e che successivamente non vengono più ripristinati.

Per le stesse ragioni, il calcestruzzo a temperature negative perde la sua connessione con la gabbia di rinforzo e la porosità del materiale aumenta, influenzando notevolmente la sua resistenza, resistenza all'acqua e resistenza al gelo.

Quando si scongelano, i cristalli di ghiaccio nella struttura del calcestruzzo vengono nuovamente trasformati in liquidi e il processo di polimerizzazione viene ripreso. Tuttavia, a causa della struttura distrutta durante il periodo di congelamento, la resistenza di progetto di questo calcestruzzo sarà inferiore del 15-50% rispetto alla resistenza del calcestruzzo ottenuto in condizioni normali.

Il congelamento-scongelamento alternato delle strutture in calcestruzzo è particolarmente negativo. La forza con cui il processo di congelamento del calcestruzzo non può più distruggere la sua struttura è chiamata critica.

Pertanto, il calcestruzzo a temperature negative è l'uso di tali tecnologie per la cura del calcestruzzo, che consentirebbe di ottenere le caratteristiche fisiche e meccaniche finali previste dal progetto, o almeno che il calcestruzzo raggiungerà la forza critica.

Regole per eseguire lavori concreti nel periodo invernale

Le principali disposizioni del SNiP sono concrezionate a temperature negative, che sono direttamente correlate alla posa della soluzione di calcestruzzo durante il periodo invernale:

  1. Queste disposizioni si applicano durante il lavoro concreto con una temperatura minima giornaliera di 0 ° C e inferiore.
  2. Il calcestruzzo deve essere preparato in betoniere riscaldate utilizzando acqua e inerti riscaldati. Allo stesso tempo, il tempo di miscelazione della soluzione deve essere aumentato del 25%.
  3. Nella produzione di calcestruzzo, è necessario introdurre nella miscela miscele speciali antigelo, additivi aeranti e plastificanti.
  4. Il calcestruzzo viene trasportato utilizzando betoniere, contenitori isotermici e in condizioni riscaldate. A temperature inferiori ai 15 ° C, il tempo e la distanza di trasporto sono ridotti del 30-50% rispetto al periodo estivo.
  5. La condizione della superficie su cui verrà versata la miscela, nonché il metodo di installazione, devono impedire la possibilità che la soluzione si congeli al momento del contatto con la base di cemento.
  6. A temperature negative, il calcestruzzo deve essere posato con l'uso di vibratori ad immersione. Inoltre, il tempo di vibrazione della miscela di calcestruzzo dovrebbe essere aumentato del 25% rispetto alla posa a temperature positive.
  7. Al completamento della produzione di opere in calcestruzzo, tutte le strutture appena posate devono essere coperte con materiali per il vapore e l'isolamento termico.

Posa del calcestruzzo a basse temperature

Il rafforzamento del calcestruzzo a temperature negative è quello di creare una miscela concreta delle condizioni di polimerizzazione necessarie, garantendo la conservazione dell'integrità strutturale e delle condizioni soddisfacenti dopo lo scongelamento.

Questo può essere ottenuto in due modi:

  1. l'uso del calore interno del calcestruzzo;
  2. Fornitura esterna di energia termica al calcestruzzo utilizzando attrezzature e tecnologie speciali.

L'uso del calore interno della miscela di calcestruzzo al momento dell'indurimento del calcestruzzo

Il primo metodo è più adatto per la preparazione e la posa del calcestruzzo con le proprie mani, dal momento che è possibile fare a meno di attrezzature aggiuntive, il che significa che il prezzo del calcestruzzo pronto sarà molto inferiore al prezzo della malta prodotta in fabbrica. Ma preparare la miscela con le proprie mani in condizioni invernali è auspicabile in piccole quantità per svolgere qualsiasi lavoro a breve termine.

Istruzioni per fare il calcestruzzo nelle condizioni invernali con le tue mani:

  1. Come leganti vengono utilizzati gradi di cemento Portland ad alta resistenza e indurimento rapido.
  2. Nella produzione di soluzioni concrete, è necessario introdurre nella miscela acceleranti di indurimento e additivi aeranti.
  3. Per ridurre la quantità di acqua nella soluzione mantenendo la sua mobilità, vengono introdotti agenti plastificanti.
  4. Per creare un ulteriore apporto di calore nel calcestruzzo, tutti i componenti della miscela devono essere prima riscaldati alla temperatura ottimale: acqua - 90 ° C; riempitivi - 50 ° C. La temperatura della miscela di calcestruzzo in uscita non deve superare i 40 ° C, poiché ad alta temperatura si addensa rapidamente.
  5. La temperatura della soluzione di calcestruzzo al momento della posa nella cassaforma non deve essere inferiore a 5 ° C e durante la posa in strutture a pareti sottili - non inferiore a 20 ° C.
  6. Il calcestruzzo deve essere posato utilizzando il metodo di vibrocompaction.
  7. Al completamento del getto della miscela di calcestruzzo, le strutture devono essere coperte con pellicola di plastica e tappetini termoisolanti.

Il periodo di indurimento del calcestruzzo è accompagnato da una reazione chimica di acqua e cemento, a seguito della quale vi è un significativo rilascio di calore (esotermia). Per preservare questo calore, le strutture in calcestruzzo sono coperte con materiali isolanti (stuoie di lana minerale, segatura, schiuma, ecc.).

Il calcestruzzo deve ottenere la resistenza desiderata prima che la temperatura della miscela scenda a 0 ° C in qualsiasi punto della struttura. Questo metodo di concrificazione è chiamato un metodo thermos. Questo metodo è razionale se il calore richiesto nel calcestruzzo viene mantenuto per almeno 5-7 giorni. E tali condizioni sono possibili solo quando si versano strutture in calcestruzzo alla rinfusa.

Oltre al riscaldamento naturale del calcestruzzo, è possibile applicare il cosiddetto metodo electrothermos. In questo metodo, la miscela di calcestruzzo viene ulteriormente riscaldata da elettrodi installati nella struttura in calcestruzzo con successiva manutenzione secondo la tecnologia sopra descritta.

Fonti esterne utilizzate per il riscaldamento del calcestruzzo

Dato il tipo di struttura in calcestruzzo e il tempo necessario per metterlo in funzione, le fonti esterne di supporto per il calore interno del calcestruzzo possono essere dei seguenti tipi:

  • preriscaldamento elettrico della miscela di calcestruzzo;
  • mantenere strutture in calcestruzzo in tende termiche (metodo convettivo);
  • polimerizzazione del calcestruzzo con l'utilizzo di fonti esterne di energia termica (metodi di contatto di riscaldamento elettrico, radiazione, induzione, ecc.).

Preriscaldare la soluzione di cemento

Uno dei metodi efficaci di cementazione a basse temperature è considerato il metodo di riscaldamento forzato preliminare della miscela di calcestruzzo (vedi foto). Il calcestruzzo prima di essere posato nella cassaforma per 5-15 minuti viene riscaldato intensamente a una temperatura di 70 ° C - 90 ° C in vasche di carico dotate di elettrodi o la stessa cosa solo in corpi di autocarro con cassone ribaltabile che utilizzano elettrodi di abbassamento. La miscela riscaldata finita viene immediatamente versata nella cassaforma e compattata con vibratori prima che il calcestruzzo cominci a tramontare.

Test di questo metodo hanno mostrato che l'impulso elettrotermico nella fase iniziale della formazione della struttura accelera l'idratazione del cemento e la vibrazione della miscela riscaldata è la più efficace per ottenere la struttura densa del calcestruzzo finito. L'uso di miscele di calcestruzzo riscaldato elettricamente con la tecnologia sviluppata di concrezionare in condizioni di temperatura negativa, riduce la durata della polimerizzazione del calcestruzzo, migliora le sue caratteristiche e aumenta il coefficiente di efficienza dell'uso di energia elettrica.

Inoltre, vi è una buona possibilità di trasportare la miscela di calcestruzzo su una distanza maggiore e consente di utilizzare ampiamente le solite casseforme metalliche ad alta rotazione durante la posa della miscela di calcestruzzo.

Tende termiche per la cura del calcestruzzo

Il metodo di isolamento del calcestruzzo nelle tende di calore artificiale (case calde) è associato a costi aggiuntivi imprevisti, complica il lavoro correlato e aumenta i tempi di costruzione. Pertanto, il suo utilizzo è possibile solo nel caso di necessità tecnologiche.

I Teplyaks sono strutture riscaldate per tende da sole temporanee che servono a realizzare l'intero complesso di lavori in cemento su un sito specifico. Le condizioni di temperatura nelle tende termiche (case calde) dovrebbero corrispondere alla temperatura della base della struttura in calcestruzzo, ma non inferiore a 5 ° С.

Per mantenere la temperatura pianificata nelle case calde, vengono utilizzati riscaldatori ad aria che funzionano su vari tipi di combustibile o azionamenti elettrici.

Teplyak per la cura del calcestruzzo può essere costituito dalle seguenti strutture:

  1. Serre leggere realizzate in tela cerata o tessuto in PVC. Utilizzato nella produzione del ciclo di lavoro a zero cemento (fondazioni per attrezzature, colonne, ecc.). Nel caso della posa meccanizzata, il calore viene rimosso e alla fine viene nuovamente impostato per mantenere il calcestruzzo alla temperatura di progetto fino a quando la struttura acquisisce una determinata resistenza.
  1. Le tende termiche volumetriche, progettate per grandi superfici, possono essere resistenti all'aria (senza telaio) o telaio convenzionale con tessuto in PVC. A tenuta stagna sono le tende, all'interno delle quali sono presenti soffiatori che supportano l'eccesso di pressione nell'intervallo di 0,006 MPa, con cui viene mantenuta la forma della struttura in PVC.
  1. Le strutture termiche mobili sono utilizzate per la cementazione di strutture a nastro (fondazioni, utilità sotterranee). Il movimento di tali serre avviene con l'aiuto di un trattore o di un verricello speciale. Il calcestruzzo viene immesso nelle serre mediante secchi all'aperto, per il tempo del calcestruzzo, le aperture nel soffitto.

I principali tipi di riscaldamento elettrico del calcestruzzo

  1. Il riscaldamento isotermico di una miscela di calcestruzzo con corrente alternata monofase o trifase avviene a una tensione ridotta di 50-100 V. Il riscaldamento di strutture con corrente continua favorisce l'elettrolisi dell'acqua nel calcestruzzo. Il meccanismo stesso di questo tipo di riscaldamento si basa sull'inclusione di cemento fresco nel circuito elettrico che si verifica tra gli elettrodi e funge da resistenza naturale, a seguito della quale il calcestruzzo viene riscaldato.

Suggerimenti: con il metodo di riscaldamento isotermico aumenta la resistenza elettrica della miscela di calcestruzzo e l'amperaggio diminuisce; Affinché il processo abbia successo, è necessario stabilizzare la corrente e, per questo, con i trasformatori, periodicamente è necessario aumentare la tensione (metodo step), altrimenti il ​​passaggio di corrente potrebbe arrestarsi e il calcestruzzo si congela.

  1. La cassaforma elettrica termoattiva regolabile funziona a una tensione di 40.121, 220V. La temperatura consigliata del calcestruzzo al momento del versamento di 5 ° C e oltre. Durante il periodo di riscaldamento e dopo la rimozione della cassaforma, la superficie del calcestruzzo deve essere coperta con materiali isolanti al fine di evitare un rapido raffreddamento del calcestruzzo e la comparsa di fessure superficiali a causa della differenza di sollecitazioni termiche.
  1. Anche le forme di riscaldamento elastico (plastica, gomma) con gli elettrodi installati funzionano sullo stesso principio.
  1. Il metodo di radiazione del riscaldamento mediante raggi infrarossi viene utilizzato per la polimerizzazione del calcestruzzo in punti con giunti densamente rinforzati di configurazione complessa in cui l'uso del riscaldamento con metodi tradizionali è impossibile. Il generatore di raggi è un riflettore in metallo, nel quale a una distanza di 5-8 cm dalla superficie sferica si trova una spirale elettrica isolata, che funge da fonte di energia necessaria.
  1. Il metodo di induzione del calcestruzzo per riscaldamento (metodo di contatto) è quello di creare un campo elettromagnetico attorno a una miscela di calcestruzzo appena posata. Come risultato dell'inversione della magnetizzazione dei flussi di vortice, l'armatura e la cassaforma metallica si riscaldano e trasferiscono calore al calcestruzzo.

La scelta della tecnologia di riscaldamento elettrico del calcestruzzo dipende dal tipo di strutture in calcestruzzo, dalla sua resistenza alla progettazione, dalla disponibilità della capacità necessaria in cantiere e dal carico di picco ammissibile della rete elettrica esistente.

Suggerimenti: il riscaldamento intensivo del calcestruzzo è a minor consumo di energia, ma con un frequente aumento della temperatura, potrebbe verificarsi un sovradosaggio, di conseguenza potrebbero apparire incrinature sulla superficie del calcestruzzo mentre si raffredda.

Riparazione di calcestruzzo in inverno

La scarsa qualità delle materie prime, la composizione insoddisfacente del calcestruzzo, la violazione delle condizioni per il trasporto del calcestruzzo e la violazione della tecnologia per eseguire lavori di calcestruzzo a temperature negative portano a difetti superficiali e successivamente alla distruzione di strutture in calcestruzzo.

Per la riparazione del calcestruzzo a temperature negative, vengono solitamente utilizzate soluzioni di riparazione ad indurimento rapido già pronte, che consentono di eliminare tutti i tipi di guasti strutturali del calcestruzzo in breve tempo e senza utilizzare metodi di riscaldamento speciali:

  • riparazione di pavimenti in calcestruzzo di strade, ponti, campi di aviazione, ecc.;
  • riparazione di strutture idrauliche;
  • per calcestruzzo subacqueo;
  • riparazione di strutture densamente rinforzate;
  • riparazione di danni concreti come risultato di mezzi aggressivi;
  • riparare i danni superficiali causati da carichi meccanici a urto;
  • utilizzato per la riparazione a breve termine: cracking del calcestruzzo, desquamazione della superficie, riparazione di buche con una profondità di 30 mm e oltre.

Materiali per la riparazione di superfici in calcestruzzo

La qualità della riparazione del calcestruzzo è la scelta corretta della miscela per il lavoro. La scelta della composizione richiesta per superfici difettose dipende dal tipo di struttura, dal tipo di danno e dalle condizioni operative della struttura selezionata. Tutti questi requisiti sono soddisfatti dai composti di riparazione EMAKO.

Il complesso di miscele di malta EMAKO ha i seguenti tipi di materiali per qualsiasi riparazione di strutture in calcestruzzo a basse temperature:

  1. Emaco Fast Tixo: una soluzione tixotropica asciutta a indurimento rapido che consente di polimerizzare ad alta velocità la superficie di calcestruzzo riparata senza l'uso di riscaldamento aggiuntivo. Applicazione consentita a -10 ° C. Lo spessore dello strato applicato è 10-100 mm.

Modalità temperatura quando si versa calcestruzzo

Affinché il prodotto finito in calcestruzzo, dopo la colata, per ottenere la resistenza necessaria e durare per molti anni, è necessario osservare il regime di temperatura durante l'indurimento. La temperatura ottimale per l'indurimento del calcestruzzo è di +20 ° C, in cui il calcestruzzo aumenta la forza in 28 giorni. Ma cosa fare se si gettano le fondamenta in autunno, quando la temperatura dell'aria è leggermente sopra lo zero? La moderna tecnologia può far fronte a questo problema. Inoltre, fatte salve alcune misure, il lavoro concreto può essere fatto anche in inverno.

Rafforzamento del processo di strutture in calcestruzzo

Per rispondere alla domanda: "A quale temperatura può essere gettato il calcestruzzo?", È necessario capire cosa succede al calcestruzzo durante l'indurimento. Dopo aver preparato il calcestruzzo, inizia a verificarsi una reazione chimica tra acqua e cemento. Questo processo è chiamato idratazione del cemento, che attraversa due fasi:

Durante l'impostazione, gli alluminati (C3A) sono coinvolti nella reazione. Di conseguenza, si formano cristalli aghiformi, che sono interconnessi. Dopo 6-10 ore, si forma una somiglianza di uno scheletro da questi cristalli.

Da questo momento inizia l'indurimento del cemento. Qui, i minerali di clinker (C3S e C2S) reagiscono già con l'acqua e comincia a formarsi una struttura di silicati. Come risultato di questa reazione, si formano piccoli cristalli, che sono combinati in una struttura finemente porosa, che è essenzialmente concreta.

L'effetto della temperatura negativa sull'indurimento del calcestruzzo

La velocità di idratazione dipende fortemente dalla temperatura. Una diminuzione della temperatura da + 20 ° C a + 5 ° C aumenta il tempo di indurimento del calcestruzzo fino a 5 volte. Ma la reazione rallenta particolarmente bruscamente con un'ulteriore diminuzione a 0 ° C. E a una temperatura negativa, l'idratazione si ferma, perché l'acqua si congela. Come sai, l'acqua si espande quando si congela. Ciò porta ad un aumento della pressione all'interno della miscela di calcestruzzo e alla distruzione dei legami formati dei cristalli. Di conseguenza, la struttura in cemento viene distrutta. Inoltre, il ghiaccio formato avvolge grandi elementi di aggregati della miscela (pietrisco, rinforzo), distruggendo le loro connessioni tra la pasta di cemento. Ciò porta ad un deterioramento della solidità della struttura.

Quando l'acqua viene scongelata, viene ripreso il processo di polimerizzazione, ma già con una struttura deformata del calcestruzzo. Ciò può portare non solo al distacco dei rinforzi e ai grandi aggregati di calcestruzzo, ma anche alle crepe. Naturalmente, la forza di una struttura così concreta sarà molto inferiore a quella calcolata.

Va notato che prima il calcestruzzo era soggetto al congelamento, minore sarà la sua forza.

Concreting in inverno

Poiché la bassa temperatura riduce significativamente il tasso di indurimento e il gelo ha un effetto negativo sulla struttura nel suo insieme, significa che il calcestruzzo deve essere riscaldato. Inoltre, è necessario garantire un riscaldamento uniforme. La temperatura minima per il getto di calcestruzzo deve essere superiore a + 5 ° C. Se la temperatura all'interno della miscela è superiore alla temperatura esterna alla miscela, ciò può portare alla deformazione della struttura e alla formazione di fessure. Riscaldare il cemento fino a quando non si ottiene una forza critica. In assenza di dati nella documentazione del progetto sul valore della forza critica, dovrebbe essere almeno il 70% della resistenza del progetto. Se vengono stabiliti i requisiti per la resistenza al gelo e la resistenza all'acqua, la forza critica deve essere almeno dell'85% del design.

Quando si versa il cemento in temperature sotto lo zero, vengono utilizzate diverse tecnologie di riscaldamento del calcestruzzo. I metodi più comunemente usati sono:

Metodo Thermos

Questo metodo è utilizzato per strutture massive. Non richiede un riscaldamento aggiuntivo, ma la temperatura della miscela da posare deve essere superiore a + 10 ° C. L'essenza di questo metodo è che la miscela posata, raffreddandosi, è riuscita a guadagnare forza critica. La reazione chimica dell'indurimento del calcestruzzo è esotermica, vale a dire il calore è generato. Pertanto, il calcestruzzo si riscalda. In assenza di dispersione di calore, il calcestruzzo può riscaldarsi a una temperatura superiore a 70 ° C. Se la cassaforma e le superfici esposte sono protette con materiale termoisolante, riducendo così la dispersione termica del calcestruzzo indurente, l'acqua non si congela e la struttura in calcestruzzo si rafforza.

L'implementazione del metodo thermos non richiede attrezzature aggiuntive, quindi è economica e semplice.

Miscela di calcestruzzo per riscaldamento elettrico

Se in modo tempestivo è impossibile fornire un set di forza critica usando il metodo thermos, viene utilizzato il riscaldamento elettrico. Ci sono tre modi principali:

  • riscaldamento da elettrodi
  • riscaldamento a induzione
  • uso di riscaldatori elettrici

Il metodo di riscaldamento mediante elettrodi è il seguente, gli elettrodi vengono introdotti nella miscela appena posata e viene alimentata loro corrente. Quando scorre una corrente elettrica, gli elettrodi si riscaldano e riscaldano il calcestruzzo. Va notato che la corrente deve essere variabile, perché a corrente costante, l'elettrolisi dell'acqua avviene con l'evoluzione del gas. Questo gas protegge la superficie degli elettrodi, la resistenza della corrente aumenta e il riscaldamento diminuisce significativamente. Se la costruzione utilizza raccordi in ferro, può essere utilizzata come uno degli elettrodi. È importante garantire un riscaldamento uniforme del calcestruzzo e controllare la temperatura. Non dovrebbe superare i 60 ° C.

Il consumo di elettricità con questo metodo varia tra 80 e 100 kWh per 1 m3 di calcestruzzo.

Il riscaldamento a induzione è usato raramente, a causa della complessità di implementazione. Si basa sul principio del riscaldamento senza contatto di materiali conduttivi con correnti ad alta frequenza. Il filo isolato viene avvolto attorno al rinforzo in acciaio e viene attraversato da una corrente. Di conseguenza, appare l'induzione e il rinforzo viene riscaldato.

Il consumo di energia durante il riscaldamento a induzione è di 120-150 kWh per 1 m3 di calcestruzzo.

Un altro metodo di riscaldamento elettrico del calcestruzzo è l'uso di riscaldatori elettrici. Ci sono i tappetini riscaldanti che sono disposti sulla superficie del calcestruzzo e sono inclusi nella rete. Puoi anche costruire una specie di tenda sopra il cemento e inserire all'interno dei riscaldatori elettrici, come una pistola termica. Ma in questo caso è necessario fare attenzione a trattenere l'umidità nel calcestruzzo, per prevenire l'asciugatura prematura.

A una temperatura ambiente di -20 ° C, il consumo energetico, con questo metodo, sarà di 100-120 kWh per 1 m3 di calcestruzzo.

Riscaldamento a vapore in cemento

Il riscaldamento del calcestruzzo con vapore è altamente efficiente ed è consigliato per strutture a pareti sottili. Dall'interno della cassaforma si creano i canali attraverso i quali passa il vapore. Puoi costruire una cassaforma doppia e passare il vapore tra le sue pareti. Puoi anche posare il tubo all'interno del cemento e far passare il vapore attraverso di essi. Il calcestruzzo in questo modo viene riscaldato a 50 - 80 ° C. Tale temperatura e umidità favorevole accelera più volte l'indurimento del calcestruzzo. Ad esempio, in due giorni, con questo metodo, il calcestruzzo ottiene la stessa forza di un indurimento settimanale in condizioni normali.

Ma questo metodo ha un notevole svantaggio. Richiede costi impressionanti della sua organizzazione.

Uso di additivi

Un altro modo di concrezionare l'inverno è l'uso di acceleratori chimici e additivi antigelo. Questi includono sali di cloro, nitrito di sodio, carbonato di calcio, ecc. Questi additivi abbassano il punto di congelamento dell'acqua e accelerano l'idratazione del cemento. Il loro uso ti permette di fare senza riscaldare il cemento. Alcuni additivi aumentano la resistenza al gelo del calcestruzzo, quindi idratano anche a -20 ° C.

L'uso di additivi ha diversi svantaggi. La loro presenza nella miscela influisce negativamente sui raccordi, inizia il processo di corrosione. Pertanto, possono essere utilizzati solo in una costruzione non armata. Inoltre, quando si usano additivi antifrostosi, durante il periodo invernale, il calcestruzzo assumerà una durata non superiore al 30%. Al verificarsi di una temperatura positiva, si verificherà lo sbrinamento e si verificherà un ulteriore processo di rafforzamento della forza. Pertanto, nel calcestruzzo, operando sotto carichi dinamici (fondamenta per vibrofinitrici, martelli, ecc.), Non è possibile utilizzare additivi.

Concreting in un clima caldo secco

Insieme al freddo, il cemento ha paura del calore. Se la temperatura ambiente supera i 35 ° C e l'umidità è inferiore al 50%, ciò contribuisce ad aumentare l'evaporazione dell'acqua dalla miscela di calcestruzzo. Di conseguenza, l'equilibrio cemento-acqua viene disturbato e il processo di idratazione rallenta o si ferma del tutto. Pertanto, è necessario applicare alcune misure per proteggere la miscela dalla perdita di umidità. È possibile ridurre la temperatura della miscela appena preparata, se si utilizza acqua refrigerata o diluire l'acqua con ghiaccio. Questo semplice metodo consentirà di evitare una significativa perdita di acqua durante la posa della miscela. Ma dopo un po 'la miscela si scalda, quindi bisogna fare attenzione per assicurarsi che la struttura sia ancora tesa. La cassaforma deve essere sigillata per evitare la perdita di umidità attraverso le fessure. La superficie assorbente della cassaforma deve essere trattata con un composto speciale che limiti l'accoppiamento con il calcestruzzo e l'assorbimento di umidità da esso.

Proteggere il calcestruzzo indurente dalla luce solare diretta. Per fare questo, coprire la superficie di cemento con tela o telone. Ogni 3 - 4 ore è necessario bagnare la superficie. Inoltre, il periodo di inumidimento può arrivare a 28 giorni, vale a dire all'insieme della forza.

Uno dei modi per proteggersi dalle carenze idriche è quello di erigere una cappa a tenuta stagna in film di PVC con uno spessore minimo di 0,2 mm sopra la superficie della struttura in calcestruzzo.

conclusione

A + 20C il calcestruzzo guadagna forza in 28 giorni. La mescolanza di calcestruzzo, senza usare metodi di riscaldamento o raffreddamento, si indurisce a una temperatura da + 5 ° a + 35 °. Ma il tempo per impostare la forza del design sarà diverso. Maggiore è la temperatura della miscela, più velocemente si indurisce. Per versare il calcestruzzo oltre la temperatura specificata, è necessario utilizzare determinati metodi.

A temperature negative, è necessario ricorrere a metodi di riscaldamento per tutto il periodo di forza critica. È necessario che il riscaldamento della miscela sia uniforme, senza grandi cadute di temperatura al centro e alla periferia. È anche necessario effettuare un monitoraggio costante della temperatura.

Se la temperatura è superiore a + 35 ° C, è necessario prendere le misure necessarie per raffreddare la miscela al momento della preparazione, del trasporto e dell'installazione. Questo viene fatto per prevenire la perdita di acqua e, di conseguenza, la violazione dell'equilibrio idrico-cemento, che influisce negativamente sulla resistenza della struttura in calcestruzzo. Dopo l'installazione, è necessario bagnare il calcestruzzo o garantire l'integrità della struttura.

Versamento del calcestruzzo nelle condizioni di temperatura sotto zero: opzioni e loro caratteristiche, raccomandazioni di specialisti

I lavori di costruzione, in particolare con scadenze brevi, vengono spesso effettuati in condizioni meteorologiche estremamente scomode. Riempire la fondazione, la sua riparazione urgente o la formazione di un pavimento di cemento - cioè, qualsiasi azione che comporti la preparazione e la posa della massa di calcestruzzo è limitata ad una gamma piuttosto ristretta di valori di temperatura dell'ambiente.

Più precisamente, le basse temperature hanno un'influenza considerevole sul corso dei processi di regolazione strutturale, indurimento e indurimento del calcestruzzo di piena resistenza.

Per comprendere la fattibilità del getto di calcestruzzo a temperature basse e sotto zero, prendere in considerazione le tecnologie sviluppate per prevenire potenziali problemi.

Le specifiche della soluzione concreta

Il complesso delle proprietà fisiche e chimiche del calcestruzzo determina la temperatura ottimale per lavorare con esso. L'intervallo va da +17.3 a +25.8 gradi. Condizioni adatte garantiscono un insieme di forza dichiarata del marchio della soluzione set e indurita in circa 27-29 giorni.

La velocità del processo di idratazione nel cemento rallenterà in modo significativo quando la temperatura scende a meno di +17 C e si ferma quasi completamente a +5.2 C. Un ulteriore calo a valori negativi farà congelare l'acqua contenuta nella soluzione per formare una maggiore quantità di sostanza ghiacciata. Le forze emergenti della pressione dell'arco (interno) portano a una perdita di densità e allentamento della struttura interna del calcestruzzo. La solidità rimanente viene mantenuta solo da umidità gelata.

Quando la temperatura aumenta, l'acqua inizierà a scongelarsi e la reazione di idratazione del cemento riprenderà con un graduale indurimento del calcestruzzo. Ma le conseguenze della precedente violazione dei legami strutturali durante il congelamento influenzeranno negativamente la forza del monolite creato.

Dopo una serie di studi sperimentali e calcoli speciali, sono stati identificati i punti critici, limitando i limiti in cui le varie marche di miscele di calcestruzzo potevano congelare senza conseguenze significative. Il livello critico di forza che deve essere acquisito dal calcestruzzo al fine di arrestare effetti evidenti sulle caratteristiche di resistenza della struttura eretta è stato fissato al 50% dell'indice di resistenza del grado.

Guarda un video sul cemento versato in inverno

Di conseguenza, il lavoro sul versamento di una soluzione concreta a basse temperature (negative) viene ridotto all'adozione di un insieme efficace di misure che impediscono il congelamento di acqua liquida prima dell'insieme della forza critica interna. Per questo, vengono utilizzati diversi metodi efficaci:

- miscela riscaldata riscaldata;

- fare una soluzione da componenti pre-riscaldati;

- concrezionamento a freddo con una composizione contenente additivi chimici addizionali che riducono il punto di congelamento;

Ogni metodo ha il suo uso razionale, che è determinato dall'esecuzione delle caratteristiche dichiarate di forza, disponibilità e disponibilità di risorse energetiche, nonché dal volume della struttura in costruzione. Tuttavia, le condizioni meteorologiche sono un fattore determinante nella scelta dell'opzione di riempimento ottimale.

Prendi nota! Tutti i metodi sopra menzionati possono essere applicati separatamente (da soli) o in un complesso!

Miscela di calcestruzzo preriscaldato

La creazione di buone condizioni per la normale maturazione della massa di calcestruzzo a temperature negative esterne aiuta la corrente elettrica fornita direttamente agli elettrodi. Speciali piastre o aste metalliche sono immerse nella soluzione o posizionate sulla superficie della cassaforma collegando a diversi contatti dei poli della sorgente di corrente elettrica. Il calcestruzzo contenente abbastanza acqua chiude il circuito. A causa della presenza di una propria resistenza, converte tutta l'elettricità in calore, durante il riscaldamento.

Questa tecnica riduce significativamente il periodo di invecchiamento del calcestruzzo, che può acquisire fino al 78,4% della forza critica già a 26 giorni di età.

La tecnologia descritta è applicata solo per strutture a basso rinforzo o completamente non rinforzate. Questo, insieme al costo dell'elettricità, è uno svantaggio significativo di questo metodo di riscaldamento della soluzione.

Nella costruzione privata, dove le fondazioni non differiscono in massa, sarà meglio posare i cavi scaldanti lungo la superficie interna dei pannelli della cassaforma o lungo la gabbia di rinforzo. Allo stesso tempo, è necessario isolare in modo affidabile l'intera struttura, senza lasciare la possibilità che il calore "lasci" attraverso le pareti.

Attenzione! La massa del calcestruzzo di preriscaldamento richiede un monitoraggio continuo 24 ore su 24. Le misurazioni dovrebbero essere fatte regolarmente, ogni poche ore. Non permettere il riscaldamento oltre i 30 gradi!

Il secondo, più moderno metodo di esposizione al calore esterno utilizzato nella costruzione invernale è l'uso di termostati speciali. In linea di principio, questo è un termoforo di grandi dimensioni costituito da un guscio impermeabile sigillato, un isolamento termico e un elemento riscaldante.

I tappetini riscaldanti contribuiscono alla distribuzione uniforme del campo di temperatura all'interno del calcestruzzo e ad una distanza circonferenziale di fino a 19,5 cm Questi termoresistenti possono essere utilizzati a temperature ambiente fino a -20 gradi.

Concretizzare la soluzione riscaldata (usando il proprio calore)

Questo metodo è efficace se le fluttuazioni giornaliere della temperatura scendono appena sotto lo zero, così come quando le gelate sono minime (fino a -4 С). La tecnica consiste nel posare la miscela di calcestruzzo riscaldato nella cassaforma isolata precedentemente preparata.

Caratteristica! In questo caso, è molto importante selezionare correttamente la marca di cemento in polvere. Maggiore è la marcatura numerica, minore è il tempo necessario per l'impostazione e la successiva solidificazione della miscela. Più energia termica sarà rilasciata durante l'idratazione!

È necessario fare un lotto di acqua riscaldata a 85 gradi (questo è il valore minimo) e riempitivi riscaldati in anticipo con un flusso di aria calda.

Qui, l'ordine di posa dei componenti misti differisce dalla tecnologia convenzionale:

- l'acqua viene versata nel miscelatore;

- viene aggiunta la pietra frantumata con sabbia di costruzione;

- Il cemento in polvere (temperatura ambiente) viene introdotto per ultimo, solo dopo tre (minimi) giri del serbatoio di installazione.

È importante! Il preriscaldamento del cemento e il suo riempimento in acqua molto calda sono inaccettabili!

Nella stagione invernale si consiglia di utilizzare una betoniera automatica con riscaldamento elettrico del tamburo di lavoro. All'uscita, la temperatura della soluzione preparata deve essere di 36-46 gradi.

Affinché il calcestruzzo possa acquisire forza critica, è necessario mantenere le condizioni termiche richieste per un tempo più lungo. Non consentire una rapida perdita di calore e un rapido raffreddamento della soluzione. È possibile mantenere il calore con tutti i materiali disponibili: stuoie di paglia, telone, pellicola di polietilene, ecc.

L'uso di casseforme in polistirene espanso estruso è considerato l'opzione più efficace. Ha un piccolo coefficiente di conducibilità termica, che consente di allungare l'intervallo di tempo del raffreddamento graduale, che contribuisce a una maturazione più completa del calcestruzzo. Inoltre, la cassaforma in polistirolo espanso è una struttura non rimovibile e continuerà a fornire ulteriore isolamento termico.

Concrezionamento a freddo con una soluzione contenente additivi speciali

Gli additivi antigelo sono ampiamente utilizzati per ottenere una massa concreta di forza critica quando si versa freddo. Aiutano la reazione di idratazione del cemento a procedere normalmente, normalizzano il processo di indurimento del calcestruzzo, prevenendo il congelamento prematuro dell'acqua nella miscela.

Gli additivi hanno le seguenti proprietà positive:

- aumentare la fluidità e la mobilità della soluzione concreta, facilitando le manipolazioni lavorative con essa;

- abbassare il punto di cristallizzazione per l'acqua contenuta nella composizione;

- proteggere gli inserti metallici (rinforzo) dalla corrosione;

- contribuire alla rapida raccolta della forza critica desiderata.

Significativamente! Gli additivi antigelo devono essere usati solo con un valore di temperatura negativo, in stretta proporzionalità, indicato nelle istruzioni di prescrizione allegate. Se vengono utilizzati nella quantità sbagliata, la probabilità di deterioramento delle proprietà di una malta cementizia è elevata!

Gli additivi antigelo più comunemente utilizzati per le miscele di calcestruzzo sono:

- nitrito di sodio - non può essere aggiunto ai cementi di allumina (HZ40-HZ60). L'additivo consente di lavorare con la soluzione a una temperatura ambiente di almeno -14,5 gradi;

- La potassa e altri composti con sali di monocarbonato accelerano il processo di indurimento del calcestruzzo. Non formano efflorescenze sulla superficie e non indulgono nella corrosione dei raccordi metallici. Consentono di lavorare con una soluzione a trenta gradi di brina, preservando perfettamente le sue qualità più importanti;

- Il formiato di sodio è usato esclusivamente in combinazione con additivi plastificanti. Per altre combinazioni, può creare vuoti difettosi nel calcestruzzo a causa della formazione di accumuli di sale;

- cloruro di sodio - viene utilizzato attivamente contemporaneamente al cemento Portland (resistente ai solfati, bianco, con moderato esotermico, colorato, ecc.) L'additivo plastifica la soluzione, evitando il suo ispessimento accelerato. In questo caso, la sostanza ha un importante inconveniente: agisce in modo distruttivo sul rinforzo di ferro.

La tecnica del calcestruzzo freddo ha alcune caratteristiche negative:

- il calcestruzzo ha un indicatore ridotto di permeabilità all'acqua e resistenza al gelo;

- la soluzione posta nella cassaforma ha un grado di contrazione maggiore;

- il metodo non può essere utilizzato in strutture edilizie precompresse.

Isolamento di cassaforma

Fornire condizioni favorevoli per una serie completa di costruzioni monolitiche a forza critica può essere costruendo case temporanee.

Questa è la tecnica più affidabile che contribuisce al mantenimento stabile della temperatura positiva nel calcestruzzo posato. Implica la creazione di una struttura temporanea sopra l'array allagato.

Teplyak è una struttura solida, rivestita in compensato di lamiera o ricoperta da uno spesso film plastico (il principio di una serra da giardino). Le dimensioni di queste case temporanee dovrebbero essere estremamente ridotte, ma sufficienti per il lavoro. Lo spazio interno è riscaldato con radiatori a infrarossi, bruciatori a gas portatili o riscaldatori.

Il punto importante qui è il costante controllo e regolazione delle condizioni di umidità ottimali. I flussi di aria riscaldata circolanti assorbono intensamente l'umidità dalla soluzione ed è necessaria per la normale reazione di idratazione del cemento. Per evitare un'evaporazione intensa dell'umidità, la superficie del calcestruzzo posato deve essere coperta con un film di polietilene e inumidita con acqua calda con una certa frequenza.

Raccomandazioni generali per il getto di calcestruzzo di alta qualità a temperature sotto lo zero

Tutto il lavoro relativo al getto di calcestruzzo è più razionale da eseguire in condizioni favorevoli.

Bisogno di ricordare! Il complesso di lavoro su colata dovrebbe essere avviato a un valore di temperatura superiore a + 9,5 gradi senza una diminuzione prevista nei prossimi 27 giorni!

Certamente, le tecnologie attuali consentono di cementare a temperature più basse, ma questo è irto di gravi costi finanziari. Dovrebbe essere fatto ricorso a quando non è possibile spostare i termini di lavoro pianificati.

In ogni caso, è necessario tenere conto delle raccomandazioni effettive degli esperti che aiutano a ottenere una qualità eccellente durante il casting:

- la casseforma deve essere preventivamente sgombrata dal gelo o dal gelo e isolata in modo affidabile;

- il getto di calcestruzzo deve essere eseguito con una fornitura continua di malta in una "seduta di lavoro";

- i riempitivi come la pietra frantumata e la sabbia, utilizzati per preparare la miscela, devono essere riscaldati per eliminare completamente la possibilità di ingresso di neve o ghiaccio nel lotto;

- la temperatura massima della massa gettata non deve superare 39,5-42 gradi;

- l'armatura e il fondo della fossa devono essere preriscaldati prima di raggiungere almeno la temperatura minima positiva;

- I segmenti pronti di una struttura in cemento sono chiusi con un rivestimento termoisolante per evitare la "fuoriuscita" del calore interno.

L'intero intervallo di tempo della formazione della forza critica del calcestruzzo deve essere conforme alla temperatura ottimale. Tuttavia, non bisogna dimenticare di controllare la distribuzione uniforme del calore all'interno della struttura. L'utilizzo di cavi conduttivi riscaldanti può portare rapidamente all'essiccazione dei singoli segmenti di una struttura in calcestruzzo.

conclusione

A temperature sotto lo zero, il cemento viene versato, di norma, per grandi costruzioni di capitali. Tutto ciò richiede attrezzature speciali, notevoli risorse finanziarie e la disponibilità di materiali da costruzione aggiuntivi. La razionalità dell'esecuzione di tale lavoro in privato è determinata dalla disponibilità di risorse adeguate e dalla piena consapevolezza della rischiosità dell'evento iniziato.